02/12/2022pioggia debole

03/12/2022pioggia debole

04/12/2022pioggia

02 dicembre 2022

Ambiente

MONITORAGGIO AMBIENTALE: ARPA VENETO SPERIMENTA I DRONI

I droni offrono nuove opportunità di controllo più efficaci e puntuali rispetto alle tecniche tradizionali.

| Giuseppe Pomarico |

immagine dell'autore

| Giuseppe Pomarico |

Immagine 3D del Passo Valles – Dolomiti (Fonte Arpav)

RUBRICA AMBIENTE - L’ambiente visto dall’alto: i droni offrono nuove opportunità di controllo più efficaci e puntuali rispetto alle tecniche tradizionali. Un nuovo occhio per controllare l’ambiente. A fine novembre Arpa Veneto svolgerà il primo corso di formazione per i propri tecnici dedicato all’utilizzo dei droni per le indagini sul territorio.

Poter acquisire le immagini dall’alto e poi elaborarle con programmi di ricostruzione di immagini, anche tridimensionali, consentirà di controllare approfonditamente aree vaste, individuando inquinamenti non sempre e facilmente rilevabili con indagini tradizionali. Tra i primi ambiti oggetto di rilievo rientrano le discariche, gli sversamenti in fiumi e laghi, i terreni contaminati, la morfologia e le vita vegetale nei bacini fluviali e lacustri.

Un’altra applicazione studiata da Arpav è il controllo dell’illuminazione artificiale notturna. Con un drone dotato di fotocamera con calibrazione specifica per la misura della luminanza si potrà effettuare il controllo mirato, veloce e preciso degli impianti pubblici e privati individuando gli impianti maggiormente inquinanti e studiando nel contempo le complesse dinamiche di diffusione della luce in atmosfera.

Immagine 3D del Passo Valles – Dolomiti (Fonte Arpav)
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Giuseppe Pomarico
Geologo, docente e pubblicista

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×