03 giugno 2020

Esteri

Negli Usa si teme che si possa arrivare a 200mila morti

Il celebre immunologo americano Anthony Fauci prefigura scenari apocalittici

| commenti |

| commenti |

Anthony Fauci con Donald Trump

Probabilmente gli Stati Uniti arriveranno a contare "milioni di casi di coronavirus", e si teme che il bilancio delle vittime possa oscillare tra "100 mila e 200 mila morti". Ad affermarlo è il celebre immunologo americano Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (Niaid) dei National Institutes of Health (Nih), parlando con la Cnn. Dunque per Fauci il bilancio delle vittime potrebbe essere pesantissimo, anche se l'esperto si è detto riluttante a fare proiezioni.

 

Negli States ci sono già più di 124.000 casi e 2.190 morti per Covid-19. Fauci ha evidenziato però che la capacità di fare test nel paese è rimasta piuttosto debole. Inoltre l'esperto ha dichiarato che il presidente Donald Trump ha deciso di non imporre la "quarantena" a New York, New Jersey e Connecticut e di diffondere solo dei consigli sui viaggi in quelle zone dopo "discussioni molto intense" alla Casa Bianca. "Abbiamo chiarito, e il presidente ha concordato, che sarebbe stato molto meglio optare per quello che viene chiamato un forte consiglio", ha detto Fauci. Un approccio più soft, che però permetterebbe di raggiungere un obiettivo analogo. Lo stesso esperto ha affermato che circa il 56% delle nuove infezioni nel Paese proviene dalla zona di New York City.

 

L'obiettivo ora è quello di limitare al massimo i viaggi nella zona che sembra essere al centro di un violento focolaio, sconsigliando tutti gli spostamenti non necessari, per evitare la diffusione del contagio. "Riteniamo che il modo migliore per farlo sia un avviso, piuttosto che una quarantena molto severa. Il presidente ha concordato, ed è per questo che ha preso quella decisione ieri sera", ha detto Fauci.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×