29 febbraio 2020

Treviso

Chirurgia plastica a Vittorio Veneto

Convenzione con due professionisti

admin | commenti |

immagine dell'autore

admin | commenti |

Da gennaio 2007, l'ospedale di Vittorio Veneto, attiverà - in via sperimentale - un progetto di chirurgia maxillo-facciale e di chirurgia plastica ricostruttiva, che verrà realizzato all'interno dell'unità operativa di Otorinolaringoiatria, retta dal dirigente Giuseppe Rizzotto.
Il reparto, riconosciuto a livello regionale come “centro di riferimento per il cancro alla laringe” diventerà quindi un polo di eccellenza (insieme a quello vicentino) nel trattamento di traumatismi e lesioni che interessano, in particolare, la testa e il collo. “Fino ad oggi - ha sottolineato il direttore generale Angelo Del Favero - i pazienti che necessitavano di trattamenti maxillo-facciali o di chirurgia plastica dovevano rivolgersi ad altre Usl, esportando verso altre aziende sanitarie qualcosa come 700 mila euro. Da gennaio, grazie a delle particolari convenzioni che non comporteranno alcuna spesa per i pazienti, l'Usl 7 sarà in grado di offrire questo servizio medico-chirurgico contando su professionisti d'eccellenza quali il dottor Paolo Nordera (attualmente dipendente dell'Usl 6 di Vicenza) e il dottor Doriano Ottavian, libero professionista.” I due medici opereranno come consulenti presso l'Usl 7, garantendo una presenza in reparto ogni 15 giorni. La direzione ipotizza che, nell'arco di un anno, i pazienti che potranno usufruire del servizio saranno circa 150. Pazienti provenienti dall'Usl, ma anche da altre aziende sanitarie o addirittura da fuori regione, visto il livello d'eccellenza che il servizio intende offrire. “Il progetto - ha sottolineato l'assessore regionale alla sanità, Flavio Tosi - arricchisce il ventaglio di prestazioni offerte dall'Usl 7 e dalla Regione. E dimostra - se ce ne fosse bisogno - che la nostra politica tende a valorizzare i poli specialistici, a offrire servizi d'eccellenza e non a spogliare le periferie di servizi medici e assistenziali, come congettura certo terrorismo mediatico. Mettendo a disposizione di Usl diverse i nostri specialisti vogliamo utilizzare al meglio le competenze e le risorse.”
“Il nuovo progetto - ha tenuto a ricordare Del Favero - non contempla comunque interventi di tipo meramente estetico, di cui è assolutamente  prematuro parlare”.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×