04 aprile 2020

Montebelluna

MARIJUANA, CINESI CLANDESTINI E LADRI DI BASSA LEGA NEL MIRINO DEI CARABINIERI

Arrestato un insospettabile agente di commercio con quattro piante di cannabis. Espulsi i due clandestini e recuperata una Clio

| | commenti |

| | commenti |

Montebelluna – Un insospettabile agente di commercio arrestato per detenzione di marijuana, due cinesi clandestini scoperti e dei ladri intercettati al telefono cui è stata sottratta la refurtiva. Questo il bilancio degli ultimi giorni da parte dei carabinieri di Montebelluna. Lunedì hanno arrestato un quarantenne di Pederobba, di professione agente di commercio, incensurato.

Aveva quattro piante di cannabis piantate in giardino. Poche ore dopo il trasferimento nel carcere di Santa Bona è stato liberato, in quanto privo di precedenti penali. Nello stesso giorno hanno arrestato un immigrato clandestino cinese, Zxiao Pin, 28 anni. Stava camminando in centro storico.

Era già stato colpito da decreto di espulsione nel settembre del 2005. Deferito anche un altro cinese clandestino che aveva fornito false generalità. Verrà espulso dall’Italia. Le operazioni degli ultimi giorni dei carabinieri hanno comportato anche il recupero di una Renault Clio rubata, con all’interno un televisore lcd ed un videoregistratore. I ladri, che avevano rubato sia l’auto che tv e videoregistratore poco prima, se la sono data a gambe nei campi.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×