20 febbraio 2020

Nord-Est

Non vogliono un cameriere nero, la barista li caccia e viene premiata

commenti |

commenti |

Non vogliono un cameriere nero, la barista li caccia e viene premiata

"Non vogliamo essere serviti da un cameriere di colore". E' il commento di due coniugi in un bar di Montagnana. Ma una collega interviene e li caccia dal locale: "Potete anche andare via, non vogliamo clienti razzisti".

L'eroina di questa storia è Laura, una studentessa universitaria che lavora in un bar di Montagnana. La sua storia, raccontata dal Mattino di Padova, ha girato il web. Tanto che il gruppo Facebook 'Montagnana 2.0, parliamone..' ha deciso di premiarla con dei mazzi di fiori e un cartello con su scritto 'Perché coraggio ed umanità non debbano mai mancare'.

 

"Vorrei che passassero solo i bei valori che ci stanno dietro, al di là di me. Alla base di tutto - scrive in un post sul gruppo Facebook - ci deve essere il rispetto per ogni persona, sia esso un nostro conoscente, parente o un perfetto sconosciuto. Sarebbe stato bello restare nell'anonimato ma in una piccola cittadina com'è Montagnana era quasi impossibile! Penso che la maggior parte di voi avrebbe reagito come me quindi non credo sia il caso di enfatizzare ulteriormente l'accaduto, seppur credo sia servito a sensibilizzare e smuovere gli animi di molti di noi! Il bene si fa in silenzio, tutto il resto è palcoscenico".

 

Neppure il locale vuole riflettori accesi sull'episodio. "Nel 2015 fatti come questi non dovrebbero destare questo scalpore, - aggiungono i titolari del bar, - anche perché i clienti erano due anziani che probabilmente avevano ancora idee e pensieri vecchi di qualche decennio: penso che tutti si sarebbero comportati così".

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×