30/11/2021velature lievi

01/12/2021nubi sparse

02/12/2021pioggia debole

30 novembre 2021

Vittorio Veneto

Nuova centralina sul Meschio in area ex Carnielli: anche Alì si oppone

Alì Immobiliare ritiene che il progetto della nuova centralina “debba essere valutato negativamente”

| Roberto Silvestrin |

immagine dell'autore

| Roberto Silvestrin |

ex carnielli centralina meschio

VITTORIO VENETO - “Nessuna osservazione presentata dal comune di Vittorio Veneto. Hanno presentato osservazioni Rinascita Civica, Alì Immobiliare, Pd, Legambiente, l’Associazione pescatori del Meschio e il consiglio di quartiere del centro”. Il gruppo consiliare di Rinascita Civica si è già dichiarato contrario all’arrivo della nuova centralina idroelettrica sul Meschio, in area ex Carnielli.

 

Ma ora sembra aver trovato degli “alleati”: “Alì, il supermercato che ha acquistato l'ex Carnielli, presenta 7 pagine di osservazioni per dichiarare la sua contrarietà alla realizzazione della centralina, il comune di Vittorio Veneto non presenta neanche una riga”, scrive la lista civica sulla propria pagina Facebook.

 

“Effettivamente lascia perplessi il fatto che per l’amministrazione Miatto non esista nessuna perplessità o motivo di preoccupazione per l’ennesima centralina sul fiume Meschio”, continuano dal gruppo consiliare, rappresentato in consiglio comunale da Alessandro De Bastiani e Mirella Balliana. “Il fiume Meschio è ormai un limone spremuto dalle centraline – sostengono -. Una ogni 500 metri in centro città, 20 lungo tutto l’asse del corso. Il fiume, l’avifauna che ci vive attorno, i pesci che lo popolano, il paesaggio che amiamo vivere e osservare sono seriamente messi in pericolo dalle centraline”. Il progetto del nuovo impianto verrà presentato – in videoconferenza – il 9 marzo.

 

“I miei uffici invieranno qualche riga relativa al progetto, come da accordi dopo l’ultimo sopralluogo”, ha spiegato il sindaco Antonio Miatto. Il progetto che riguarda la centralina – si legge invece nel documento che riporta le osservazioni di Alì - “presenta elementi di incompatibilità con i valori ambientali, paesaggistici, culturali e urbanistici che caratterizzano l’ambito e che dovrebbero essere adeguatamente tenuti in considerazione nella progettazione di ogni intervento riguardante l’ambito”.

 

Alì Immobiliare - si legge ancora nel documento - ritiene che il progetto della nuova centralina (proposto da un'altra società) “debba essere valutato negativamente”. La società proprietaria dell’ex Carnielli, oltretutto, vuole recuperare “l’originaria struttura adibita a centralina idroelettrica”, e riattivare "- previo riammodernamento - l'impianto di produzione di energia ivi esistente",  utilizzato in passato e oggi in disuso. L’energia prodotta verrebbe usata per “l’alimentazione degli edifici realizzati nell’area”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

19/10/2021

"No al ponte carrabile sul Meschio"

Il consiglio di quartiere del Centro ribadisce il proprio “no” al ponte carrabile sul fiume Meschio tra l’ex Carnielli e Piazzale Moro

immagine della news

04/03/2021

"Perché adesso?"

Il sindaco replica alle richieste di chiarimenti (presentate da un cittadino) sulle tempistiche degli interventi di recupero previsti per l'ex Carnielli

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×