24 gennaio 2020

Vittorio Veneto

OPUSCOLO PROPAGANDISTICO: IL COMUNE PRENDE LE DISTANZE

Libretto distribuito a famiglie e operatori economici all'insaputa del Comune

| commenti | (4) |

| commenti | (4) |

OPUSCOLO PROPAGANDISTICO: IL COMUNE PRENDE LE DISTANZE

Vittorio Veneto – “Noi cittadini di Vittorio Veneto”... ma noi chi?

In questi giorni è stata distribuita gratuitamente nel vittoriese la guida “Noi cittadini del Comune di Vittorio Veneto”, che si fregia  del patrocinio di diverse forze dell’ordine: nella copertina è testualmente indicato "con l'adesione di: Polizia di Stato; Arma dei Carabinieri; Guardia di Finanza". Direttore editoriale del volumetto è Maurizio Costanzo (così riporta il colophon) ed editore è Tiziano Motti, fondatore dell'assodiazione europa dei Diritti e ora candidato alle elezioni europee.

Il libretto “Noi cittadini del Comune di Vittorio Veneto” riprende gran parte del materiale utilizzato per una precedente Guida del Cittadino realizzata con il patrocinio del Comune, arrivata nelle case dei vittoriesi qualche mese fa. La prima pubblicazione era accompagnata da una lettera di presentazione che riportava anche lo stemma del Comune di Vittorio e un breve discorso dell'assessore Saltini.
A un primo sguardo sembrerebbe quindi che anche "Noi cittadini" goda dell'incoraggiamento del Comune vittoriese.
Ma l’Amministrazione Comunale prende le distanze da questa pubblicazione, della quale non sapeva nulla.
Anzi, si dissocia dai contenuti e dalla pubblicità elettorale contenuta nel libretto e chiarisce di non aver “concesso alcun patrocinio per l’opuscolo arrivato alle famiglie e operatori economici”.

“Vero è – ammette il Comune - che per la prima edizione titolata “Comune di Vittorio Veneto”, arrivata nel corso del 2008 e che conteneva collaborazioni di personaggi quali Maurizio Costanzo e la segreteria della Presidenza della Repubblica, con il patrocinio dei vari corpi delle Forze dell’Ordine, era stata data all’editore Tiziano Motti la collaborazione e il patrocinio in quanto tra le altre  venivano date ai cittadini informazioni utili per i servizi offerti dal Comune”.

"Noi Cittadini" è nel frattempo diventato anche un programma TV: una striscia quotidiana di 12 minuti, in onda dal lunedì al venerdì nella fascia che precede i notiziari di 19 televisioni locali e di 2 Canali SKY.

E poi nelle cassette postali dei vittoriesi è arrivato questo opuscolo informativo corredato di un po' di propaganda elettorale a sostegno della candidatura europea di Tiziano Motti. L’Amministrazione di Vittorio Veneto non era a conoscenza della seconda uscita e declina quindi ogni responsabilità circa il contenuto della stessa.

Sembra che anche il Comune sia rimasto impigliato, come altre attività e aziende, nell’accordo preso con l’editore della collana di opuscoli. Chi aveva aderito alla prima edizione della pubblicazione, infatti, è stato automaticamente inserito anche nella seconda. E così numerosi enti e operatori loro malgrado, e all’oscuro di una seconda pubblicazione, sono apparsi tra le pagine dell’opuscolo. Che tra l’altro, questa volta, ha anche una chiara impostazione di pubblicità elettorale.

Il caso ha fatto drizzare le antenne anche a Ottavio Pasquotti, del Partito Socialista, che ha chiesto ufficialmente al Prefetto di Treviso se corrisponda al vero che la Polizia di Stato, l'Arma dei Carabinieri e la Guardia di Finanza appoggiano la candidatura al Parlamento europeo di Tiziano Motti ed in caso contrario quali iniziative intendano porre in essere.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

26/05/2019

Italia al voto

Aperte le urne per il rinnovo del Parlamento europeo e per la tornata di amministrative

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×