20 gennaio 2021

Nord-Est

Pordenone, minori festeggiano passaggio a zona gialla: 16enne finisce all’ospedale privo di sensi

Il Questore sospende per 25 giorni l’attività del “bar alla Posta” dopo che il ragazzino era finito in coma etilico

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Polizia in piazza XX Settembre

PORDENONE - Nella mattinata odierna di venerdì 11 dicembre, l'Ufficio Polizia Amministrativa di Sicurezza e dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico Squadra Volante della Questura di Pordenone hanno eseguito il provvedimento di sospensione, disposto dal Questore della Provincia di Pordenone Marco Odorisio, per 25 giorni nei confronti dell’esercizio pubblico “Bar alla Posta”, sito in Pordenone, piazza XX Settembre.

Il provvedimento è stato disposto a seguito del grave episodio verificatosi nel tardo pomeriggio di domenica 6 dicembre. Infatti, verso le ore 19 nella centralissima via Mazzini un ragazzo di 16 anni è stramazzato a terra perdendo i sensi ed un suo amico anch’egli 16enne chiedeva aiuto ai passanti intenti a fare la passeggiata domenicale.

Proprio in quel momento transitava per via Mazzini un dottoressa insieme alla mamma ed alle invocazioni di aiuto soccorreva il ragazzino riscontrando, come avesse perso i sensi a seguito di un coma etilico.

Subito sul posto una autoambulanza per le prime cure, trasportando il giovane al pronto soccorso del locale Ospedale Civile. Qui al ragazzo 16enne è stata riscontrata una “esotossicosi acuta da assunzione di superalcolici”, venendo trattenuto in osservazione presso il nosocomio fino al giorno successivo.

Attivati gli agenti dell’Ufficio Polizia Amministrativa di Sicurezza della Questura di Pordenone, i quali riscontravano quanto accaduto nella giornata di domenica 6 dicembre, individuando un gruppo di cinque ragazzini tutti 16enni che venivano, quindi, assunti a sommarie informazioni alla presenza dei genitori. Si riscontrava così come i cinque coetanei, per festeggiare il passaggio della Regione Friuli Venezia Giulia dalla “zona arancione” alla “zona gialla” si erano dati appuntamento in città a Pordenone, dopo aver pranzato, alle ore 16 si erano recati al Bar Alla Posta.

Qui avevano atteso alcuni minuti all’esterno ed una volta nel locale, benché fossero in cinque, venivano fatti accomodare attorno a uno stesso tavolo in violazione alle disposizioni in materia di covid, trattenendosi al bar per un paio d’ore fino alle ore 18.

I cinque ragazzini ordinavano un primo giro di alcolici serviti al tavolo e successivamente veniva ordinata e quindi servita una bottiglia di gin da un litro con gradazione alcolica al 40% e alcune bottigliette di acqua tonica, il tutto portato al tavolo in un cestello di ghiaccio abbellito da stelline scintillanti. Dopo aver consumato la bottiglia di gin da un litro i cinque ragazzi verso le ore 18 uscivano dal locale salutandosi, incamminandosi due di loro, in via via Mazzini al fine di raggiungere la stazione ferroviaria per far rientro a casa.

Qui il malore del ragazzo che si è accasciato a terra privo di sensi per il coma etilico con l’amico che chiedeva aiuto ai passanti. Dai rapidi e approfonditi accertamenti il personale della Questura ha verificato come, già a far data dalla scorsa primavera – estate gli stessi ragazzi si fossero recati al Bar Alla Posta con altri coetanei minorenni, ordinando alcolici e superalcolici, puntualmente serviti al tavolo senza che mai, né il titolare né i camerieri si accertassero della minore età degli avventori, sicuramente non confondibili per maggiorenni.

Sussistendone quindi i presupposti normativi previsti dall’art. 100 del T.U.L.P.S., nella odierna mattinata è stato eseguito il provvedimento di sospensione della licenza per giorni 25 disposto dal Questore della Provincia di Pordenone Marco Odorisio.

Al riguardo, si rappresenta come proprio domenica 6 dicembre 2020, primo giorno di “fascia gialla”, a Pordenone si era verificato un altro grave episodio per la sicurezza e la salute pubblica di persone appartenenti a fasce vulnerabili quali minorenni, allorquando verso le ore 1 di notte pervenivano alla sala operativa della Questura segnalazioni da parte di cittadini in ordine ad un appartamento dal quale provenivano musica e schiamazzi.

Gli agenti intervenuti si trovavano innanzi ad una vera e propria festa danzante con 9 sedicenni intenti a consumate superalcolici e con sacchi a pelo al seguito così da essere pronti per il mattino a recarsi nei vari bar del centro a festeggiare la fine delle limitazioni per il passaggio alla “fascia gialla”. Nell’estate di un anno fa, sempre nella provincia di Pordenone una ragazza 16enne finiva in coma etilico a seguito della somministrazione di superalcolici da parte di un pubblico esercizio nei confronti del quale veniva applicata al sospensione ex art. 100 T.U.L.P.S. per 45 giorni.

Al gestore del Bar alla Posta è stata, altresì, comminata la sanzione della  con sospensione dell’attività per 5 giorni per violazione della normativa anticovid e sanzionato per aver venduto e somministrato a minori gli anni 18 bevande alcoliche e superalcolici in violazione dell’articolo 14 ter della Legge 48/2017, che prevede in caso di recidiva la sospensione dell’attività per tre mesi.
 

 



Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×