23/05/2024nubi sparse

24/05/2024pioggia debole e schiarite

25/05/2024pioviggine e schiarite

23 maggio 2024

Sport

Altri Sport

Portiere senza un braccio, salva squadra con tuffo allo scadere

L'amputazione nel 2014,ora è terzino, ma mancavano i portieri

|

|

Portiere senza un braccio, salva squadra con tuffo allo scadere

VERONA - Una parata determinante, a 3 minuti al 90', un volo sul sette a respingere una punizione che stava per finire in rete. Un'impresa. Fatta con un braccio solo. Perché Alessandro Pighi, 34 anni, un handicap dovuto all'amputazione a un arto subita nel 2014, è un portiere con un solo braccio a disposizione, il sinistro. Ma ha volontà e classe da vendere, e durante la gara di terza categoria tra il Valdadige e il Vetta ha firmato un expolit umano, prima che sportivo.

La sua storia Pighi l'ha raccontata al quotidiano 'L'Arena'. Domenica scorsa, nel match di terza categoria, il Valdadige era rimasto all'improvviso senza portieri, usciti entrambi per infortunio: la gara era sullo 0-0; Pighi era in panchina, il suo ruolo nella squadra attualmente è quello di difensore centrale, - ci sa fare anche con i piedi - mentre è invece il titolare fra i pali nella nazionale italiana amputati. Vista la situazione di emergenza, il mister del Valdadige gli ha chiesto se se la sentiva di entrare in porta: Pighi ha risposto subito di sì. Un po' di riscaldamento, qualche intervento semplice, e poi quel tuffo capolavoro sul sette, a 3 minuti dalla fine, per sigillare il risultato sullo 0-0. "Quanta felicità al 90'" ha raccontato il numero uno.


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 

Le società Sportive

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×