27/01/2022nubi basse e schiarite

28/01/2022poco nuvoloso

29/01/2022velature sparse

27 gennaio 2022

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Professione: viaggiatrice

Alice Pontini, 24 anni, e un sogno. Che sta realizzando

| Andrea De Polo |

| Andrea De Polo |

Alice Pontini

MARENO DI PIAVE/VALDOBBIADENE - Ventiquattro anni, ventiquattro Stati (visitati). E un libro. Alice Pontini, in attesa di ripartire, si ferma nel suo paese natale, Valdobbiadene, per presentare la sua prima fatica letteraria: “Dove le preghiere girano e le montagne sfiorano la luna” (edizioni Caosfera, 13 euro). Lei (autodefinizione) è la ragazza con il cuore in India, e la testa tra le nuvole. Abita a Mareno di Piave, ma per puro caso: ha sempre viaggiato, e continuerà a farlo. Per la prima volta, però, ha messo un viaggio (l’ultimo) in un libro. Un diario nato per caso, e finito poi sugli scaffali delle librerie. Un diario che racconta di un sogno non realizzato: visitare il Tibet.

 

«Avevo pianificato un viaggio fotografico nel Paese di cui sono sempre stata innamorata - racconta Alice - a due settimane dalla partenza hanno chiuso le frontiere. Siamo partiti lo stesso, io e altre tre persone mai viste prima. Siamo stati in Nepal, a Delhi, e nel Ladakh, regione dell’India al confine con Cina, Afghanistan, Pakistan. Un mese affascinante, finito prima nel mio diario e poi in questo libro». Alice viaggia “per professione”, si paga i trasferimenti da uno Stato all’altro lavorando nelle città in cui arriva. Ci rimane per diversi mesi, e non per fare la turista. Ha iniziato da piccolissima, non ha intenzione di fermarsi: in media, ha visto uno Stato nuovo ogni anno della sua vita. Anche se la sua bussola pende decisamente verso Nord: «In primavera andrò in Canada. Sono stata sette mesi in Germania, e in futuro sogno di lavorare e stabilirmi in Danimarca. Amo la montagna e il freddo, scio e mi arrampico: cerco di vivere la montagna al massimo. Mi piace andare nei Paesi di cui non conosco la lingua, per mettermi in gioco».

 

La ragazza con il cuore in India e la testa tra le nuvole, però, ha i piedi per terra: «Trovo un lavoro per sopravvivere, e intanto ne cerco uno che rispecchi la mia passione, la fotografia». E la scrittura? «Ho voluto pubblicare questo libro perché chi legge capisca che i miei viaggi non sono missioni impossibili. Sono alla portata di tutti. Voglio spronare le persone a muoversi, viaggiare, conoscere posti lontani anche dal punto di vista culturale». Il libro ha successo. Sabato mattina sarà presentato agli studenti dell’Isiss Verdi di Valdobbiadene. Venerdì 13 presentazione a palazzo Piva, la sera. Il 4 gennaio a Villorba. Conviene approfittarne: Alice si imbarcherà per il Canada da un momento all’altro.

Il libro di Alice

 



Andrea De Polo

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×