05/02/2023coperto

06/02/2023molto nuvoloso

07/02/2023velature lievi

05 febbraio 2023

Cronaca

Proteste Iran, eseguita prima condanna a morte di un manifestante

Mohsen Shekari impiccato ieri mattina, altre 11 persone condannate a "lunghe pene detentive"

| AdnKronos |

| AdnKronos |

Mohsen Shekari

IRAN - L'Iran ha annunciato di aver giustiziato il primo prigioniero ufficialmente condannato per un presunto crimine in seguito alle proteste organizzate nel Paese dopo la morte della giovane donna curda Mahsa Amini, che si trovava in custodia della polizia iraniana per non avere indossato correttamente il suo hijab. Il prigioniero, Mohsen Shekari, è stato condannato per aver ferito "intenzionalmente" una guardia di sicurezza con un lungo coltello e bloccato una strada nella capitale, secondo quanto riferisce l'agenzia di stampa Tasnim, ed è stato impiccato ieri mattina. Le autorità iraniane hanno rigettato il ricorso dell'avvocato del prigioniero, ritenendo che “non sia né valido né giustificato”, in quanto ritengono che si sia reso colpevole di “crimini di guerra” bloccando la strada, minacciando con le armi e affrontando gli agenti. La Corte Suprema dell'Iran - che ritiene che le azioni del manifestante siano state un "esempio di ipocrisia" - ha approvato la sentenza ieri mattina e le ha dato esecuzione. I magistrati si basano su presunte dichiarazioni di testimoni dell'accaduto, i quali avrebbero assicurato che i presenti erano molto spaventati dalla presenza del manifestante armato. Il portavoce del Dipartimento di Giustizia, Masoud Setayeshi, ha spiegato che per lo stesso reato altre undici persone, tra cui tre minorenni, sono state condannate a "lunghe pene detentive", secondo l'agenzia Isna. Su Twitter il ministero degli Esteri iraniano sottolinea che "nel contrastare le rivolte, l'Iran ha mostrato la massima moderazione e, a differenza di molti regimi occidentali che diffamano e reprimono violentemente anche i manifestanti pacifici, l'Iran ha impiegato metodi antisommossa proporzionati e standard. Lo stesso vale per il processo giudiziario: moderazione e proporzionalità". "Il governo italiano è indignato di fronte alla condanna a morte di Moshen Shekari, giovane che si era unito alle manifestazioni per la libertà in Iran. Questa inaccettabile repressione da parte delle autorità iraniane non può lasciare indifferente la comunità internazionale, e non potrà fermare la richiesta di vita e libertà che viene dalle donne e dai giovani iraniani" sottolinea il presidente del Consiglio Giorgia Meloni.

 


| modificato il:

AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×