22 settembre 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Respinto il ricorso, il comune di Farra risarcirà 5 proprietari

Vicenda Pip: ricorso "inammissibile" per la Cassazione

|

|

Respinto il ricorso, il comune di Farra risarcirà 5 proprietari

FARRA DI SOLIGO - La Corte di cassazione respinge il primo ricorso presentato dal Comune di Farra di Soligo per la vicenda Pip: le sentenze che condannano il comune sono in tutto tre, come i ricorsi che l’amministrazione ha presentato.

 

Il primo, come detto, ha avuto esito negativo, e il comune farrese risarcirà così i primi 5 espropriati: la vicenda risale aduna ventina di anni fa, quando il comune farrese espropriò alcuni proprietari per realizzare le zone industriali. 11 euro al metro quadro la prima stima del valore per l’acquisto dei terreni, cifra poi modificata in base ad una sentenza della Corte Europea del 2007, in base alla quale i terreni dovevano essere pagati secondo il reale valore di mercato (passando così a 30 euro al mq).

 

Le successive sentenze del Tribunale di Treviso attribuirono un valore di 60 euro al metro quadro, facendo lievitare l’esborso totale, per il comune, a circa 12 milioni di euro, suddivisi tra una quarantina di ex proprietari o eredi. Il primo ricorso, dichiarato “inammissibile”, riguarda il rimborso spettante a 5 di questi.

 



Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×