21 febbraio 2020

Treviso

Ricchi e poveri (in Veneto)

Chi, tra i lavori autonomi. guadagna di più? Un'indagine della CGIA di Mestre ce lo dice per filo e per fascia (di reddito)

admin | commenti |

immagine dell'autore

admin | commenti |


Secondo i dati pubblicati dalla Camera di commercio di Mestre, tra un notaio e un parrucchiere non c’è un abisso. C’è un cratere di ricchezza. I notai dichiarano infatti in media 626 mila euro all’anno. I parrucchieri 11 mila euro. Questo vuol dire che se vedete circolare un tizio in Audi è (quasi sicuramente) un notaio, un farmacista (reddito annuo dichiarato: 139 mila euro), un commercialista (reddito annuo: 74 mila euro), un avvocato (reddito annuo: 58 mila euro) o un dentista (reddito annuo: 53 mila euro). Se invece vi imbattete in un tizio in Panda, sappiate che potrebbe fare il parrucchiere (11 mila euro all’anno dichiarati) o il venditore ambulante (dai 9 ai 15 mila euro di reddito). Poveri, nonostante l’auto-di-lavoro, anche i tassisti che dichiarano 12 mila euro annui.

 



foto dell'autore

admin
inserire qui una descrizione del giornalista

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×