27 ottobre 2020

Castelfranco

Rissa tra baby gang in centro a Castelfranco: i giovani armati di cacciaviti e chiavi inglesi

Le due facce di Castelfranco: da una parte la rissa dall’altra la cacciata del quartetto d’archi

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Rissa in centro

CASTELFRANCO – Di recente il centro di Castelfranco Veneto è stato teatro di due episodi non consueti e contrapposti. Nella zona del Palazzetto dello sport ieri mattina intorno alle 13.30 due bande di giovani hanno dato vita ad una rissa con tanto di cacciaviti e chiavi inglesi, pare per divergenze territoriali visto che i ragazzi delle gang erano da una parte di Montebelluna e dall’altra di Castelfranco. Sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri che ha sedato la rissa ma intanto su WhatsApp sono circolati molti video delle violenze scatenatesi in città.

Castelfranco però nelle ultime ora ha mostrato anche un altro volto più garbato e culturalmente elevato ma a quanto pare senza suscitare l’apprezzamento sperato. Già perché in piazza, un prestigioso quartetto d’archi “Le Corde Del Mondo” ha improvvisato un concerto, destando meraviglie e soddisfazione tra i tanti castellani che si sono fermati per ascoltare la talentuosa formazione musicale fino a quando la polizia municipale non è arrivata intimando loro di sgomberare. Certo le regole vanno rispettate ma molti castellani si sono chiesti perché non si possa fare un’eccezione a fronte delle tante presenza viceversa moleste e tollerate.

Forse basterebbe fare un banale regolamento che autorizzi gli artisti di strada ad esibirsi, così come già fatto nella vicina Montebelluna dove musicisti, giocolieri e quant’altri possono mostrare il loro talento nelle piazze della città per la gioia dei montebellunesi. Il disappunto a Castelfranco per la cacciata del quartetto d’archi è stato tale che più d’uno ha contattato la formazione per scusarsi. Gesto più che comprensibile in una città dove la musica è di casa visto che qui si trova uno dei pochi Conservatori d’Italia autorizzati in una città che non sia capoluogo di provincia e che richiama musicisti da ogni dove, al pari del Liceo musicale Giorgione che tra e fila dei suo studenti ha ragazzi che giungono da tutto il Veneto.

 

FOTO: repertorio (sopra); quartetto d'archi "Le corde del mondo" (sotto)

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttore responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×