25 ottobre 2020

Castelfranco

A San Zenone degli Ezzelini apre il Museo Multimediale Antica Pieve

Un sito ricco di storia e suggestioni che par ospiti anche qualche fantasma

| Maria Elena Tonin |

immagine dell'autore

| Maria Elena Tonin |

A San Zenone degli Ezzelini apre il Museo Multimediale Antica Pieve

SAN ZENONE DEGLI EZZELINI - Apre il Museo Multimediale Antica Pieve di San Zenone  degli Ezzelini: un luogo ricco di storia e atmosfera come pochi altri, tanto che, se pure non sia (ancora) stata provata l'esistenza dei fantasmi che spieghino le presenze che sembrano abitare il sito, sono in molti a pensare che il Castellaro sia ancora oggi pregno del sangue e dei fatti del passato. Alla luce del sole, l'apertura del Museo conclude il lungo percorso di restauro del Compendio del Colle Castellaro, costituito dall'Antica Pieve (di cui rimangono oggi solo il presbiterio, un tempo adibito a cappella cimiteriale intitolata a Santa Veneranda e la sacrestia), dalla Cripta medievale del XII secolo, il cimitero annesso, la Torre degli Ezzelini, la chiesa. Se l'antica Pieve è il cuore della storia di San Zenone, il museo contiene testimonianze che partono dalla preistoria per arrivare alla Serenissima.

 

La multimedialità rende ancora più affascinante la divulgazione: "una comunicazione diversa" che raggiunge il target della popolazione giovane,che comunque ama la storia, e consente l'accesso a tutte le stanze alle persone disabili, dato il restauro conservativo. Un lavoro lungo e attento, fatto da amministrazioni diverse ma che "hanno creduto in un sogno" sottolinea Stefania Ziliotto, assessore alla cultura: "hanno fortemente creduto nella possibilità di riempire questo scrigno prezioso e avuto una visione dell'oggi che si rivela con molte potenzialità anche economiche, in questo momento storico particolarmente preziose." L'assessore Ziliotto, nel curriculum una laurea in sociologia e una magistrale in progettazione del territorio e dell'ambiente, ha conosciuto il Castellaro in tempi non sospetti, da comune cittadina: "Erano gli anni '90 e non abitavo nemmeno a San Zenone, ma sentivo che questo luogo aveva una magia particolare ed era un'eccellenza in tutti gli aspetti, naturale, storica, archeologica. Ringrazio il sindaco Luigi Mazzaro che si è fidato: non potevamo sapere come sarebbe andata." 

 

Il Museo Multimediale è stato realizzato oltre che con il finanziamento comunale e un contributo regionale di circa 50mila euro, anche con il sostegno di privati cittadini e aziende di San Zenone, che attraverso l'Art Bonus, a loro volta avevano raccolto 52mila euro, mentre il logo composto da pittogrammi che identificano i simboli del sito, ovvero il cavaliere, la storia, il fuoco e la pergamena, simbolo di una storia che può essere anche bruciata ma non muore, che sarà il brand di tutti gli eventi e del merchandising, è stato realizzato dai ragazzi della prima media del paese nel 2018. 

 

"Oggi apriamo nei fine settimana, ma ci auguriamo presto di iniziare con le guide e i laboratori con l'associazione Academia Sodalitas Ecelinorum, magari con un corso di tiro con l'arco, in cui sono un'eccellenza."  conclude l'assessore Ziliotto "la cultura diventa volano dell'economia con il turismo di prossimità e la valorizzazione del territorio una scelta che paga."

 

La data di apertura è fissata per sabato 24 ottobre: obbligatoria la prenotazione che va fatta online attraverso il sito www.museoanticapieve.it o in alternativa contattando i seguenti recapiti: cultura@comuna.san-zenone.tv.it o chiamando il n. 338 6346642 dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 13.00; lunedì e mercoledì dalle 15.00 alle 18.00.

Il Museo è visitabile il sabato dalle 14.00 alle 18.00 e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00.

 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Maria Elena Tonin

Leggi altre notizie di Castelfranco
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×