26 ottobre 2020

Castelfranco

Sartoretto positivo al Covid: “Sto bene e sono in isolamento volontario ma Marcon deve dimettersi”

Il candidato sindaco di Castelfranco Merita denuncia la violazione delle sua privacy

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Sebastiano Sartoretto

CASTELFRANCO – Toni duri e indignati quelli usati pochi minuti fa in una nota del candidato sindaco Sebastiano Sartoretto della lista Castelfranco Merita, relativamente al fatto che sia stata pubblicamente divulgata la sua positività al Covid, tra l’altro mente si trova i isolamento volontario.

La scorrettezza politica, umana e culturale di Stefano Marcon è pari soltanto alla sua incapacità amministrativa e alla sua disperazione elettorale. Utilizzare un dato riservato, che riceve dall'Ulss in quanto sindaco, per fare propaganda elettorale e aggiungere, poi, la calunnia che sarei un pericolo per la popolazione poiché andrei in giro a contagiare i miei concittadini è un fatto grave per la democrazia e a questo punto, se questo è il suo metodo, mi chiedo quante volte in questi anni abbia utilizzato, per fini personali, la privacy di un cittadino, di un imprenditore, di chi deve fare un'operazione urbanistica o di chi abbia un problema di salute. È evidente che di questo abuso di ufficio e di questa calunnia Marcon dovrà risponderne in tribunale ed è altrettanto evidente che il Prefetto dovrà intervenire: un sindaco che diffonde notizie di questo tipo non può restare al suo posto, si deve dimettere o deve essere fatto decadere”.

Sebastiano Sartoretto, candidato sindaco della coalizione Castelfranco Merita, chiarisce la situazione che lo coinvolge. “Martedì sera – spiega – ho dovuto ricoverare d'urgenza la mia anziana madre, ma immagino Marcon abbia anche la sua cartella clinica e la diffonderà nei prossimi giorni, per un problema che nulla ha a che vedere con il Covid. Dovendole prestare assistenza sono stato, come da protocollo, sottoposto a tampone: il mio ha dato esito positivo, il suo no. Il referto – continua Sartoretto – parla di una carica virale assolutamente bassa che non dovrebbe essere contagiosa, ciononostante mi sono chiuso in casa e ho avvisato i miei più stretti collaboratori i quali, a loro volta, si sono sottoposti a tampone: nessuno di loro è risultato positivo. Io stesso ripeterò i tamponi, come previsto dal protocollo, e resterò in isolamento sino a quando tutto non sarà tornato alla normalità. Intendo rassicurare tutti: sto bene e presto potrò tornare ad uscire in piena sicurezza”.

L'uscita di Marcon – conclude Sartoretto – è quella di un uomo disperato che sa che perderà le prossime elezioni non essendo all'altezza di Castelfranco e che cerca qualsiasi espediente per aggrapparsi alla poltrona: una miseria umana e politica che francamente sono ben note e che infatti non mi stupiscono. Penso che questo “colpo di genio” si trasformerà, per lui, in un boomerang. Quello che mi preoccupa è che, utilizzando i dati riservati che come sindaco ha ricevuto in tutti questi anni, chissà cosa ha fatto in questi anni. Qualsiasi sindaco, infatti, può vedere gli interessi di ciascuno di noi, delle nostre famiglie, delle nostre attività economiche, dei lavori che facciamo in casa o se compriamo un qualche investimento immobiliare, oltre alle nostre condizioni di salute: una persona culturalmente disonesta con questo patrimonio di conoscenza potrebbe tenere tutti sotto ricatto”.
 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttore responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×