25 settembre 2020

Cronaca

Shoah, Papa: "Senza memoria annientiamo il futuro"

|

|

Shoah, Papa:

"Se perdiamo la memoria, annientiamo il futuro. L’anniversario dell’Olocausto, l’indicibile crudeltà che l’umanità scoprì 75 anni fa, sia un richiamo a fermarci, a stare in silenzio e fare memoria. Ci serve, per non diventare indifferenti". Così Papa Francesco in un tweet lanciato dal suo account Pontifex nella 'Giornata della Memoria, a 75 anni dalla liberazione del campo di Auschwitz. E anche l’Unhcr - Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati - vuole ricordare e onorare le vittime dell’Olocausto.

 

"Abbiamo il dovere di ricordare il passato, di opporci ad ogni forma di antisemitismo e pregiudizio nei confronti di qualsiasi essere umano e di proteggere coloro che ne hanno bisogno" ha dichiarato Roland Schilling, rappresentante Unhcr per l’Italia. "Queste azioni rappresentano il miglior antidoto contro il ripetersi della storia nelle sue forme più aberranti e gettano le basi per una convivenza pacifica e dignitosa nel futuro".

 

Nel mondo, spiega nella nota l'organizzazione, milioni di persone continuano a soffrire a causa di discriminazioni e violenze, inclusi coloro che fuggono da guerre e persecuzioni. Sono più di 70.8 milioni le persone in fuga dalle loro case, il dato più alto dalla seconda guerra mondiale. Riaffermare la fiducia nella dignità e nel valore della persona umana, difendere il diritto fondamentale e vivere in pace sono i principi fondamentali, oggi come allora, e sono anche alla base del mandato di protezione dell'Unhcr nei confronti dei rifugiati.

 

 



Dello stesso argomento

immagine della news

27/01/2012

LA NOTTE DELLA MEMORIA

A 16 anni, Remigio Stiletto è stato deportato nei campi di sterminio di Mauthausen e di Flossenburg. Ci racconta la sua storia.

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×