01 giugno 2020

Treviso

Sicurezza, 13 nuovi occhi elettronici a Treviso per controllare zone del centro e veicoli

Telecamere in arrivo a Porta Altinia, Pescheria, Riviera Garibaldi, park Appiani, parco Uccio e strada Canizzano e Sant'Antonino

| Isabella Loschi | commenti |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi | commenti |

Sicurezza, 13 nuovi occhi elettronici a Treviso per controllare zone del centro e veicoli

TREVISO - Nuove telecamere di videosorveglianza in arrivo nelle zone “calde” della città e nei quartieri. La giunta ha approvato il progetto per il potenziamento della videosorveglianza e di ampliamento del monitoraggio dei veicoli nei quartieri e nelle aree d’accesso al centro storico.

I nove occhi elettronici, che entreranno in funzione a gennaio e saranno collegati tra loro tramite un’infrastruttura di rete basata su tecnologie radio e switch con punti di raccolta del segnale che verranno poi convogliati al centro di controllo, permetteranno il monitoraggio in tempo reale delle aree di interesse, 24 ore su 24 per 365 giorni all’anno.

Le telecamere saranno installate a Largo Porta Altinia, due nell’Isola della Pescheria, due fra via e vicolo Pescatori, una in Riviera Garibaldi, una al parcheggio rialzato dell’area Appiani (piazza delle Istituzioni), una al parco Uccio di via San Martino e Solferino, una a San Pelaio (piazzale Costituzione e area verde attrezzata). Altre due telecamere, una per senso di marcia, saranno posizionate per la lettura delle targhe su strada Canizzano, all’altezza di via Giovanna D’Arco , e altre due in via Sant’Antonino, all’altezza dell’intersezione con via Sabatucci.

Il progetto verrà finanziato in parte dal contributo del Ministero dell’Interno dello scorso febbraio di 47.763 euro su una spesa totale di 106.140 euro. “Grazie a questo progetto, verranno installati nuovi occhi elettronici in alcune zone “calde” della città come via e vicolo Pescatori ma anche nei quartieri, che per noi rappresentano una priorità”, ha detto il sindaco Mario Conte. “Inoltre, grazie ai dispositivi di lettura targhe, sarà possibile avere il pieno controllo degli ingressi dei veicoli nel territorio comunale. Queste nuove installazioni sono state rese possibili anche grazie al lavoro in sinergia nell’ambito del Patto per l’attuazione della Sicurezza Urbana con la regia della Prefettura”.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×