10 aprile 2020

Conegliano

"Sinistra sconfitta, centrodestra vittoriosa in zone ricche"

La visione post-elezioni di Maurizio Sacconi

| Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti |

immagine dell'autore

| Pietro Panzarino - Vicedirettore | commenti |


CONEGLIANO - La matassa post - elezioni non si è ancora sbrigliata. Ma i neocandidati trevigiani ci hanno detto la loro. Dopo aver sentito Bisinella, per la Lega Nord, Puppato, per il Pd, e De Poli, per l'Udc, è il turno di Maurizio Sacconi, eletto al Senato tra le fila del Pdl.

Fotografa l' esito delle elezioni con le modalità con cui l' hai presentata ai tuoi elettori.

Il risultato elettorale ha espresso un ampio dissenso rispetto alla politica europea del rigore senza crescita imposta dalla Germania. In questo senso si sono caratterizzati tanto il centrodestra quanto il Movimento 5 Stelle. La sinistra, che per un pugno di voti passa dal 30% al 55% dei seggi alla Camera, esce dal voto comunque sconfitta rispetto alle attese e chiamata a scegliere tra una via socialdemocratica che la porta al confronto con l'area liberale ed una via radicale che la porta all'isolamento. Il centrodestra, dato per declinante prima del voto, si conferma rappresentativo soprattutto delle aree economicamente più vitali del Paese. Significativa la vittoria in Lombardia che consentirà di realizzare il progetto della macroregione come Comunità delle istituzioni locali del Nord.

 

In attesa che il proprio gruppo prenda le decisioni ufficiali, qual è la "tua proposta-soluzione" perché quanto prima si insedi il nuovo governo?

L'Italia ha urgente bisogno di rinegoziare i vincoli europei, di sostenere la crescita e l'occupazione, di riformare le sue istituzioni. Auspico un Governo a termine con queste ben definite priorità. E in particolare un Governo impegnato ad applicare nel 2012 la riforma del federalismo fiscale rinnovando in coerenza con essa il patto di stabilita' con i comuni e il patto per la salute con le Regioni. In modo da produrre effetti immediati in termini di meno spese e meno tasse.

 

Sulla base della propria esperienza, qual è il progetto, la proposta che vorresti realizzare e che potresti proporre come primo disegno di legge?

Ritengo immediatamente necessaria la cancellazione della Legge Fornero, ritornando alla legge Biagi, almeno per la parte relativa alle tipologie contrattuali in modo da liberare la propensione ad assumere. Dovrebbe seguire il passaggio dal vecchio Statuto dei Lavoratori ad un più semplice Statuto dei Lavori che riconosca l'autonoma capacità dei lavoratori e delle imprese di condividere regole, salario, benefici sociali in relazione all'andamento aziendale.

 



foto dell'autore

Pietro Panzarino - Vicedirettore

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×