25 gennaio 2020

Castelfranco

SOFIA, ULTRÀ DI CASTELFRANCO FINISCE IN MANETTE

Si tratta di un 27enne identificato mentre bruciava la bandiera bulgara nella partita della nazionale di sabato sera

| commenti |

| commenti |

Castelfranco – Uno è di Castelfranco. Sono stati arrestati in tre per vilipendio alla bandiera. Ne hanno incendiata una durante la partita di sabato sera di Sofia, dove in campo c’erano Italia e Bulgaria. Sono sati inchiodati dalle registrazioni video durante il match.

Scompiglio prima e dopo la partita. Ultras veneti in prima linea. Inneggiavano al Duce intonando cori neofascisti. Hanno dato filo da torcere alla polizia bulgara. E.B, 27 anni, il castellano tratto in arresto.

Con lui sono finiti in manette anche un friulano, A.P., 28 anni, ed un ragazzo di Varese, V.F., 21 anni. Se la sono cavata solo con una notte al fresco. Ieri sera sono stati rilasciati. Fanno parte di un gruppo consolidato di ultras sostenitori della nazionale di calcio provenienti da tutto il Triveneto vicini ai gruppi di estrema destra.

Tutti avevano dei biglietti nominativi. Quelli che saranno identificati grazie ai video saranno tenuti fuori dagli stadi i tutto il mondo per cinque anni.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×