25 novembre 2020

Vittorio Veneto

Solo un’attività economica su tre ha chiesto il bonus di 500 euro

La giunta stanzia 100mila euro a favore delle associazioni “danneggiate” dal coronavirus

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Solo un’attività economica su tre ha chiesto il bonus di 500 euro

VITTORIO VENETO – Per qualcuno i 350mila euro stanziati dalla giunta Miatto a favore delle attività economiche cittadine che durante il lockdown erano rimaste chiuse, assegnando a ciascuna 500 euro, parevano pochi. E invece, a domande tutte vagliate, risulta che sono stati utilizzati “solo” 132mila euro. Rimangono così nella disponibilità del Comune 218mila euro.

 

Sulla base dei codici Ateco, il Comune aveva calcolato che le attività artigiane e commerciali beneficiarie del contributo avrebbero potuto essere 843. Molte meno, però, hanno fatto richiesta dei 500 euro. «C’è chi – dà atto il vicesindaco con delega alle attività produttive Gianluca Posocco – ha preferito non richiedere quel bonus lasciando le risorse al Comune per altri progetti. E questo ci permette ora di aumentare il fondo a favore delle associazioni socio-culturali e sportive pure danneggiate dal coronavirus, facendolo passare da 50mila a 100mila euro».

 

Come per le attività economiche, anche per le associazioni sarà redatto un bando e individuati dei criteri per assegnare il contributo. A breve sarà pubblicato sul sito internet del Comune un avviso con il quale poi potranno essere formalizzate le richieste di un contributo che servirà ad affrontare le spese derivanti dalla chiusura o dalla limitazione delle attività delle associazioni a causa dell’emergenza epidemiologica.

 



foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×