05 dicembre 2020

Treviso

La spesa dal “casoin” diventa digitale: a Treviso il primo e-commerce del commercio locale

TrevisoNow offre 35mila prodotti dei negozi trevigiani, da oggi via agli acquisti

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

trevisoNow e-commerce

TREVISO - La spesa dal "casoin" vicino casa o dal fruttivendolo di fiducia con i prodotti a chilometro zero restando comodamente sul divano. Da oggi si può fare grazie al nuovo e-commerce tutto trevigiano che riunisce il digitale con la tradizione e sostiene i negozi delle nostre città.

Treviso Now, ideato da Gianluca Pellegrinelli, è la prima piattaforma digitale per il territorio ideata e promossa da Ascom-Confcommercio Treviso, che da oggi è ufficialmente pronta per gli acquisti.

Sul sito attualmente ci sono già ben 60 aziende trevigiane, adeguatamente distribuite in vari comuni della Provincia, da Treviso a Conegliano passando per Casale sul Sile, Pieve di Solito e Montebelluna, che offrono circa 35 mila prodotti e coprono oltre 20 macrocategorie merceologiche. Si trova quasi tutto: dalla frutta alla verdura di stagione, pasta, vino, farine e ogni genere alimentare, l’abbigliamento per grandi e bambini, giochi, profumeria, elettronica, accessori per la casa, arredamento, tutto per i nostri amici cani e gatti.

Insomma un vero e proprio e-commerce dove il cliente può acquistare direttamente dal proprio negozio di fiducia o in quello del quartiere. “Delle aziende già presenti online circa la metà si affaccia per la prima volta con al proprio merce e negozio nella vendita online - spiegano gli operatori di TrevisoNow- “Mentre altre attività che abbiamo già incontrato che sono in fase di elaborazione del proprio catalogo digitale, premessa indispensabile per accedere”.

Federico Capraro presidente di Ascom-Confcommercio e Gianluca Pellegrinelli ideatore di TrevisoNow

“TrevisoNow cavalca il cambiamento in corso accelerato dal Covid19” - sottolinea il presidente di Ascom-Confcommercio Federico Capraro  -parte di questo cambiamento, è la marcia in più che serve al piccolo commercio per rimanere moderno ed attuale aggiungendo la digitalizzazione alla tradizione. Le tendenze in atto ci confermano che la rivoluzione non è solo negli spazi, che vengono ridimensionati, ma nelle dimensioni mentali e negli approcci che si offrono ai consumatori. La dimensione domestica, il display, il video sono parte di quella nuova normalità che tutti abbiamo scoperto. E TrevisoNow, il nostro local marketplace, offre una risposta pratica, concreta al cambiamento, lo interpreta, rimette in circolo quella domanda di consumo parzialmente sopita dal lockdown, contribuendo così ad avviare quel desiderato processo di ripresa del territorio per il territorio”.

Altra novità di questo nuovo e-commerce della Marca sono i punti di ritiro degli ordini. Il consumatore, che viene riconosciuto dal CAP, può di acquistare con varie modalità: scegliendo il negozio, l’offerta, la marca, per poter attingere a più generi merceologici beneficiando di un’unica consegna gratuita che potrà essere fatta in un giorno direttamente a casa, grazie ad una rete di furgoncini attiva sul territorio o potrà avvenire nei punti di ritiro. I punti di ritiro, al momento 70 ma arriveranno a 137, sono bar, altri negozi, panifici che hanno dato la loro disponibilità e che garantiscono ai consumatori un’ampia apertura di orario. A Treviso ad esempio i bar Dersut, il panifico Bosco e la ferramenta Botter forniranno il servizio di punto di ritiro pacchi.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×