30 marzo 2020

Vittorio Veneto

Stop ai funerali e alle messe nella Diocesi di Vittorio Veneto

Il vescovo Corrado Pizziolo: "Sollecitiamo a riscoprire la preghiera in famiglia e a livello personale"

| Claudia Borsoi | commenti |

| Claudia Borsoi | commenti |

Stop ai funerali e alle messe nella Diocesi di Vittorio Veneto

VITTORIO VENETO – Stop alla celebrazione delle messe e dei funerali nelle chiese della diocesi di Vittorio Veneto fino alle 24 di domenica 1 marzo. Unica eccezione per le messe feriali che, se con numero inferiore ai 15 fedeli, potranno essere celebrate, mentre per i funerali il rito – benedizione della salma – si terrà in cimitero alla presenza delle sole persone più vicine al defunto.

 

Anche la diocesi di Vittorio Veneto in queste ore ha diramato tutta una serie di direttive alle parrocchie e ai fedeli. «Come diocesi di Vittorio Veneto, ci atteniamo responsabilmente alle indicazioni previste dalle autorità per la tutela della salute di tutti» afferma il vescovo Corrado Pizziolo. Già ieri, domenica, in molte chiese diocesane al posto del tradizionale scambio della pace, alcuni parroci hanno invitato a dare “uno sguardo della pace” ai presenti, mentre la comunione veniva data rigorosamente in mano. Ora, con l’ordinanza firmata da Ministero e Regione, i provvedimenti si fanno più stringenti anche nelle chiese diocesane.

 

Sospese le messe festive e del Mercoledì delle Ceneri (i fedeli sono invitati a pregare o a meditare da soli). Stop a battesimi, cresime e comunioni. Per i funerali benedizione della salma nella cappella dei cimiteri. Sospesi gli incontri di catechismo, chiusi patronati e oratori, annullato il ritiro di Quaresima del clero previsto giovedì 27 a Motta di Livenza. Annullati gli incontri formativi diocesani, chiusi museo diocesano, biblioteca del seminario, archivio e servizio di ricerche genealogiche.

 

«Ritengo molto importante che si faccia il possibile perché le chiese rimangano aperte, allo scopo di favorire la preghiera personale, predisponendo eventualmente dei testi adatti in questa circostanza – afferma il Vescovo -.In questo tempo la Chiesa di Vittorio Veneto sollecita infatti a riscoprire la preghiera in famiglia e a livello personale, e invita alla preghiera per chi è più debole nella salute in particolare per quanti sono stati contagiati dal virus e per tutti coloro che si stanno adoperando per fronteggiare l’emergenza».

 

A Vittorio Veneto, sempre fino al primo marzo, uffici comunali accessibili al pubblico solo previo appuntamento telefonico e al comando di polizia locale si accede uno alla volta. Rinviata la prova orale del concorso pubblico per educatore del nido che era prevista per mercoledì 26. Venerdì 28 febbraio il consiglio comunale si terrà a porte chiuse.

 

A Cordignano rinviata a data da destinarsi la prova per il concorso per agente di polizia locale che era prevista per domani, 25 febbraio. A Cappella Maggiore annullato l'incontro sul controllo di vicinato previsto per venerdì 28 febbraio.

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×