11/08/2022parz nuvoloso

12/08/2022nubi sparse

13/08/2022sereno

11 agosto 2022

Treviso

Storie di donne che non mollano e che continuano ad avere fiducia nel futuro

EDITORIALE - L’auspicio è che questi esempi possano ispirare tante persone a guardare alla vita con maggiore coraggio

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Silvia Furlani, Vienna Cammarota

EDITORIALE - Viviamo in un epoca dove gli spunti per la malinconia sono davvero tanti, forse troppi. La pandemia prima e ora la guerra in Europa hanno certo minato la fiducia di molti nel futuro ma proprio per questo è giusto guardare a chi, invece, ha deciso di non arrendersi. Di questi giorni le storie di due donne che meritano davvero attenzione e rispetto per l’energia che giorno dopo giorno mettono in ciò che fanno.

A Silvia Furlani è stata diagnosticata la sclerosi multipla ad appena 26 anni, oggi ne ha 62 anni ma non si è mai arresa. L’atleta friulana, classe 1960, affetta da sclerosi multipla da 30 anni fa parte del team Keep Moving ASD di Udine e con sicurezza e calma invidiabile, zaino in spalla e bastoncini da trekking, ha fatto innumerevoli maratone, mezze maratone, trail in tutta Italia e non solo.

“Porto a spasso la sclerosi multipla”: è la frase ricorrente che pronuncia a chi le chiede dove trovi energia e coraggio per non darsi per vinta. L’ultima impresa domenica scorsa a Pescara dove ha percorso alla Maratonina del Mare, scortata e sostenuta dagli uomini della Guardia di Finanza che hanno speso parole di grande stima per questa donna coraggiosa! Silvia, passo lento ma costante, non partecipa per il risultato ma per arrivare, per dare un segno, per lanciare un messaggio forte di volontà e coraggio. 

Lo scorso 26 aprile, Vienna Cammarota, di 72 anni compiuti (ne farà 73 a settembre) è partita dall’Isola del Lazzaretto Nuovo di Venezia per percorrere a piedi la Via della Seta ed arrivare fino a Pechino. Già, avete letto bene, in Cina! Vale a dire 22.000 chilometri e quindici paesi da attraversare, passo dopo passo fino al dicembre 2025. La camminatrice del Cilento, risiede nella provincia di Salerno, ha voluto intraprendere questo viaggio per ripercorrere l’impresa di Marco Polo.

Vienna, che cammina da sempre, ed ha viaggiato in tutto il mondo, non è nuova a simili imprese ma di certo quanto ha intrapreso di recente ha il sapore di qualcosa di davvero grande. Ambasciatrice dell’Associazione Culturale italiana, Archeoclub D’Italia, racconta la sua straordinaria avventura nel diario online "Sulle tracce di Marco Polo" (oltre che nella sua pagina Facebook) ma se qualcuno volesse anche sostenerla economicamente in questa esperienza carica di significato, può fare una donazione online a questo indirizzo Gofundme. Ma ecco il garbato invito della nostra camminatrice, a sostenerla:

"... Perchè lo faccio? Camminare è la mia passione ma questo viaggio vuole essere un messaggio di coraggio e forza per tutti! Voglio sradicare quei pregiudizi sulle donne, sul fatto che una donna sola e, soprattutto della mia età, non può o non dovrebbe compiere questo tipo di impresa, voglio essere ambasciatrice della mia terra e portare un messaggio di pace, di collaborazione e fiducia... fiducia nel prossimo. Il vostro aiuto mi darà una spinta in più, mi aiuterà a trovare un alloggio dove non troverò ospitalità e mi aiuterà in caso di necessità. Il viaggio è molto lungo e i fondi sono necessari a contribuire alla riuscita della mia impresa che spesso (questo è ciò che mi scrivono sui social) serve anche a dare più coraggio a chi non ne ha! Grazie anche solo per aver letto :-)".

LEGGI ANCHE:

Sfida alla sclerosi multipla, Furlani in gara alla Maratonina di Pescara 

Da Venezia alla Cina a piedi: Vienna Cammarota, 72 anni arriverà a destinazione nel dicembre 2025 

 

 


| modificato il:

foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa
Direttrice responsabile

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×