25 novembre 2020

Cronaca

Stragi Falcone e Borsellino, ergastolo per Messina Denaro

|

|

Stragi Falcone e Borsellino, ergastolo per Messina Denaro

Il boss latitante Matteo Messina Denaro è stato condannato all'ergastolo per le stragi mafiose di Capaci e via D'Amelio in cui furono uccisi i giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e gli agenti della scorta. Lo ha deciso la Corte d'assise di Caltanissetta, presieduta da Roberta Serio, dopo una camera di consiglio fiume iniziata poco dopo le 10 di questa mattina. Il latitante è accusato di essere tra i mandanti delle stragi del 1992. Il collegio si è riunito oggi dopo una breve udienza, durante la quale l'avvocato d'ufficio dell'imputato, Salvatore Baglio, ha replicato al contenuto di una memoria depositata dal pm Gabriele Paci in una delle ultime udienze. Al termine della lunga requisitoria durata otto udienze, il Procuratore aggiunto Gabriele Paci ha chiesto la condanna all'ergastolo per la 'primula rossa' di Cosa nostra. La difesa del boss ha chiesto invece l'assoluzione "perché il fatto non sussiste".

Tra le parti civili del processo, iniziato nel 2017, ci sono i familiari degli agenti di scorta dei due giudici ma anche i figli del giudice Paolo Borsellino e il fratello Salvatore. Parte civile anche l'Avvocatura dello Stato, in rappresentanza della Presidenza del consiglio e del ministero dell'Interno. Le parti civili sono rappresentate dagli avvocati Vincenzo Greco, Santi Centineo, Roberto Avellone, Giuseppe Crescimanno.

Durante la lunga requisitoria il Procuratore aggiunto, presenta alla lettura del dispositivo, aveva parlato di "unanimità dei consensi al progetto sulle stragi di Totò Riina collegiale". "Totò Riina - aveva detto Gabriele Paci nella requisitoria- può contare su un gruppo di persone fidate che chiama "supercosa", ai quali affida il compito di organizzare la missione romana. Questo rafforza Riina non soltanto perché ha un gruppo segreto che fa capo a lui, ma perché questo gruppo gli consentirà tra le varie opzioni operative di optare per quella che era più funzionale alla realizzazione dei suoi interessi. Scartata la missione romana sceglie quella di Capaci. Indipendente dall'esito la supercosa rafforzò i propositi di Totò Riina, con un gruppo di persone pronto ad uccidere. Nell'ottobre del '91, con l'appoggio di Messina Denaro, Totò Riina, seppe che aveva questa disponibilità di uomini e mezzi".

"Borsellino da tempo era nel mirino di Matteo Messina Denaro, perché poco prima delle Stragi aveva chiesto l'arresto del padre e per aver patrocinato la collaborazione di alcuni pentiti", aveva ancora detto il procuratore aggiunto Gabriele Paci, ricostruendo davanti alla Corte d'Assise di Caltanissetta gli anni precedenti agli attentati di Capaci e via d'Amelio, nel processo in cui il latitante è accusato di essere uno dei mandanti. Per Matteo Messina Denaro, il magistrato era colui che aveva scritto l'ordine di cattura nei confronti del padre, Francesco Messina Denaro, a cui viene sostanzialmente imposta la latitanza", aveva aggiunto il pm Paci.

Nel gennaio 1990 Borsellino aveva chiesto la sorveglianza speciale e il divieto di dimora per don Ciccio, ma il Tribunale di Trapani rigettò la richiesta, ma sulla base delle stesse accuse nell'ottobre dello stesso anno venne emesso un ordine di cattura nei confronti del capomafia". "Avere il consenso di Matteo Messina Denaro - aveva detto ancora il Pm Paci, che oggi è reggente della Procura - gli consentiva di avere delle spie in ogni anfratto di Cosa Nostra che potevano portare alla luce quelli che erano i dissensi interni. Matteo Messina Denaro serve proprio a questo, a stanare e uccidere i riottosi".

"Quando nel 1991 comincia la guerra di mafia Paolo Borsellino opera nel trapanese, nel territorio gestito da Matteo Messina Denaro. Abbiamo ripercorso quegli anni maledetti - aveva continuato il Pm Paci - Totò Riina, per iniziare la stagione stragista dovette veramente convincere i rappresentati provinciali della bontà del suo progetto, riuscire a costruire il consenso. Non è sostenibile che Totò Riina avrebbe comunque intrapreso a prescindere quella strada senza avere il consenso di Cosa Nostra, perché se ci fosse stato il dissenso di una delle province ci sarebbe stata una guerra. La storia di quegli anni non sarebbe stata la stessa. Messina Denaro non può aver prestato consenso con riserva. Fu lui più di tutti l'uomo che aiutò Riina a stroncare sul nascere le voci del dissenso interno". Oggi è arrivata la sentenza, con la condanna a vita per il boss latitante.

IL DISPOSITIVO DELLA SENTENZA - Il boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro è stato condannato all'ergastolo per le stragi mafiose del 1992 con "isolamento diurno per la durata di 18 mesi" e lo condanna anche"al pagamento delle spese processuali". La corte ha poi dichiarato l'imputato "interdetto dai pubblici uffici" e "decaduto dalla responsabilità genitoriale". La condanna sarà, inoltre, pubblicata sul sito del Ministero della Giustizia".

Il boss mafioso Matteo Messina Denaro è stato condannato anche la risarcimento delle parti civili che si sono costituite. Ecco le provvisionali decise dai giudici, fino a 500mila euro in favore di ciascuna dei fratelli e dei figli degli agenti di scorta morti nelle stragi mafiose. Ma anche dei figli del giudice Paolo Borsellino, Manfredi, Lucia e Fiammetta. Trecentomila euro in favore di altri fratelli di agenti di scorta e parenti dei due giudici uccisi. E poi 100mila euro anche a figli di altrui agenti, tra cui l'autista sopravvissuto alla strage di Capaci.

LEGALE FAMIGLIA BORSELLINO - "I figli del giudice Paolo Borsellino considerano la condanna all'ergastolo per Matteo Messina Denaro come un tassello in più rispetto a un accertamento della verità che è a formazione progressiva" ha detto all'Adnkronos l'avvocato Vincenzo Greco, che rappresenta la difesa della famiglia del giudice Borsellino. "Al di là della soddisfazione per il riconoscimento delle costituzioni delle parti civili", dice ancora il legale. Per la famiglia del magistrato "è un passo in più rispetto a un lavoro ancora più grande che si sta svolgendo - dice - e siamo molto grati alla Procura di Caltanissetta per il lavoro svolto e per l'impegno che ha profuso".

PROCURATORE GENERALE CALTANISSETTA - L'ergastolo per il boss mafioso latitante Matteo Messina Denaro, accusato di essere tra i mandanti delle stragi del '92, ha detto all'Adnkronos il Procuratore generale di Caltanissetta Lia Sava, "è un grande risultato per la Procura di Caltanissetta". "Abbiamo messo insieme pezzi di tanti contesti investigativi diversi - dice - e tante dichiarazioni e riscontri anche risalenti nel tempo. E siamo arrivati alla condanna".



di Elvira Terranova
 

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×