24/07/2024nubi sparse

25/07/2024pioviggine e schiarite

26/07/2024poco nuvoloso

24 luglio 2024

Italia

Tabacci: "Bersani vincerà ma non prenda tutto come fece Prodi"

| Carlo De Bastiani |

immagine dell'autore

| Carlo De Bastiani |

Tabacci:

ROMA - Il centrosinistra vincera' le elezioni e avra' anche la maggioranza al Senato, "dopodiche' non e' che avra' risolto i problemi del Paese". Bruno Tabacci, ospite dei 'Confronti' Adnkronos, si rivolge direttamente a Pier Luigi Bersani per la gestione del dopo elezioni.

"Io penso che non si debba fare come fece Prodi nel 2006, quando vinse e si prese tutto, Camera, Senato e persino le posate -ha spiegato il fondatore di Centro democratico-. Bisogna avere una capacita' di dialogo. A cominciare dai presidenti delle Camere: bisogna coinvolgere le rappresentanze parlamentari che non fanno riferimento alla maggioranza e confermare questa linea nella successiva elezione del capo dello Stato".

Per Tabacci, il centrosinistra "vincera' in Lombardia anche al Senato, ci sara' un effetto trascinamento con Ambrosoli. Ne sono convinto, e avra' la maggioranza in Senato".

Quanto al voto disgiunto, "utile", "in Lombardia e' una cosa persino banale. E' nelle cose. Votare Albertini appare come una cosa che sminuisce la portata del confronto tra i due candidati: quello della Lega, che andrebbe evitato, e Ambrosoli, che e' l'alternativa utile per i lombardi", ha detto il fondatore di Centro democratico.

"Noi crediamo che solo Ambrosoli sia una scelta matura, capace di mettere insieme la maggioranza dei lombardi. Il candidato in difficolta' e' quello di Monti, che tra l'altro Monti ha anche ereditato perche' prima era il candidato di Formigoni", ha proseguito Tabacci senza risparmiare critiche al governatore uscente e alla Lega: "La Lega che si candida a guidare la Lombardia e' stata lo scendiletto di Formigoni" e "in Lombardia si va a votare perche' chi governava ha dato le prove piu' sgradite che si potevano dare ai lombardi. Quindi si deve cambiare pagina".

Tabacci ha proseguito: "I lombardi si sono fatti prendere per il naso dai signori leghisti" perche' "la Lega ha raccontato alle persone del nord cose che non corrispondono al vero. Ma davvero i lombardi possono pensare che Maroni li traghetta nel mondo? Maroni li chiude in casa i lombardi".

A proposito dell'inchiesta su Finmeccanica, Tabacci afferma che "il ricambio dei vertici, in una condizione come questa, un arresto, mi sembra del tutto ovvio. Non si puo' pensare che l'amministratore, dal carcere, resti a guidare la societa'". "Per me il tasso di conduzione della politica nei confronti di alcune grandi aziende strategiche deve essere totalmente tagliato, non e' una cosa positiva -ha spiegato il fondatore di Centro democratico-. Chi va li' lo deve fare non solo per meriti propri, ma deve anche essere libero di non rispondere al telefono a quelli che lo hanno indicato".

Tabacci commenta poi le dimissioni del Pontefice. "Con la decisione di dimettersi, questo Papa ha umanizzato il papato. Non sarà più come è sempre stato finora, con la sola eccezione ricordata da Dante: da oggi si viene eletti ma ci si può anche dimettere" afferma Tabacci. Per l'esponente del centrosinistra, le dimissioni del Pontefice hanno un effetto immediato anche sulla campagna elettorale. "Non credo che sposteranno voti - afferma l'esponente del centrosinistra - ma penso che ora ai candidati non basterà spararle grosse per riuscire a conquistare le pagine dei giornali".

Il presidente di Centro Democratico lamenta una campagna elettorale "molto provinciale": è una gara "a chi fa le promesse che poi non manterrà, e questo fa più spettacolo della serietà e del rigore".

(Adnkronos/Ign)

 



foto dell'autore

Carlo De Bastiani

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×