06 luglio 2020

Montebelluna

Tensostruttura degli alpini per il centro prelievi Villa Pullin

Sala d’attesa troppo piccola? Ci pensano gli alpini!

| Ingrid Feltrin Jefwa |

immagine dell'autore

| Ingrid Feltrin Jefwa |

Tensostruttura degli alpini per il centro prelievi Villa Pullin

MONTEBELLUNA – Il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, ha reso noto di essere stato contattato dal direttore dell’Ospedale San Valentino, il dottor Marco Cadamuro Morgante, al fine di condividere una soluzione per poter permettere al Centro prelievi di Villa Pullin di via Castellana (di proprietà comunale) di tornare a lavorare a pieno regime nei prossimi giorni, dopo che nelle scorse settimane l’attività era stata ridotta per contenere il rischio di contagio da Coronavirus. Al fine di garantire la sicurezza e il rispetto delle misure vigenti, l’attuale sala d’attesa che può ospitare 50 persone al massimo, a partire dai prossimi giorni potrà contenerne al massimo 25, così da assicurare l’adeguato distanziamento tra utenti.

 

“Pertanto, per garantire un ulteriore e adeguato spazio per l’attesa degli utenti, il sindaco, d’accordo con il dirigente tecnico, dottor Pierantonio De Rovere, ha interpellato l’ex capogruppo degli Alpini di Montebelluna, Giovanni Mondin, che ha suggerito al primo cittadino di chiedere la disponibilità i due tensostrutture agli Alpini di Biadene che subito hanno accolto la richiesta – si legge in una nota comunale -. Si è quindi convenuto su una soluzione che prevede di creare un accesso sul lato est attraverso due tensostrutture messe a disposizione dagli stessi Alpini”. Le due tensostrutture sono state montate dagli Alpini nella giornata di sabato 25 aprile, mentre l’ex assessore Dino Bottin si è reso disponibile per la certificazione sulla sicurezza delle due strutture. Interviene il sindaco, Marzio Favero: “Ho interpellato l’ex capogruppo degli Alpini di Montebelluna, Giovanni Mondin, che mi ha messo in contatto con quello degli Alpini di Biadene, Alfredo Celotto che ringrazio, assieme a tutto il gruppo perché, ogni volta che mi permetto di chiedere un aiuto hanno una sola risposta: presenti!”. Alfredo Celotto, capogruppo degli Alpini di Biadene e presidente della Casa degli Alpini, ha quindi aggiunto: “Ogni qual volta c’è necessità, siamo a disponibili. Siamo stati presenti nelle missioni in Kosovo, in Albania, a prestare soccorso durante il terremoto dell’Abruzzo e dopo l’alluvione nelle Dolomiti e di certo non ci potevamo sottrarre ad una richiesta montebellunese per il bene dei nostri concittadini”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

immagine della news

03/06/2020

Due facce della stessa medaglia

A Montebelluna mentre gli alpini ripuliscono la scalinata che porta a Santa Maria in Colle viceversa alcuni incivili gettano incuranti mascherine e guanti nei luoghi pubblici

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×