17/07/2024poco nuvoloso

18/07/2024poco nuvoloso

19/07/2024pioggia debole e schiarite

17 luglio 2024

Treviso

Treviso, via ai lavori per la nuova rete fognaria in centro storico: viale D'Alviano chiuso per un mese

I lavori dureranno circa un anno per un investimento complessivo di 3,6 milioni. Conte: "Intervento di portata storica per la città"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

gruppo lavoro

TREVISO - Al via nel quartiere nord ovest del centro storico di Treviso i lavori per la realizzazione di 3,2 chilometri di rete fognaria e la ristrutturazione di 3,2 chilometri di rete acquedottistica. L’opera servirà una zona dove risiedono circa mille abitanti e dove sono presenti cinque istituti scolastici che potranno così allacciarsi al depuratore comunale.

L’intervento si sviluppa nell’area compresa tra le mura e le vie Battisti, Cantarane e Panciera e prevede principalmente la separazione dell’attuale fognatura mista. Le condotte presenti verranno destinate alla sola fognatura meteorica, e verranno posate nuove condotte per la fognatura nera. Le opere prevedono inoltre il rifacimento delle condotte acquedottistiche. Infine, verranno realizzati i necessari collegamenti con le utenze e con i sistemi di acquedotto e fognatura attualmente esistenti. Gli interventi di realizzazione della fognatura nera e dell’acquedotto interesseranno alcune vie del quartiere, in particolare: Viale D’Alviano, Via Caccianiga, Borgo Cavour, Via Cantarane, Musa di S. Teonisto, Via Sauro, Via Filzi, Via Giacomelli, Via Pastro, Via San Liberale, Via Panciera, Varco Frà Giocondo e Via Chiesa, per un investimento complessivo pari a 3,6 milioni di euro.

I lavori dureranno circa un anno e partiranno da Viale D’Alviano per poi spostarsi lungo le altre vie interessate dal progetto con limitazioni della circolazione stradale che cercheranno di impattare il meno possibile sulla viabilità locale. L’obiettivo dell’intervento è quello di raccogliere le acque di scarico provenienti dal quadrante ovest del centro storico di Treviso in modo unitario e razionale mediante una rete fognaria nera che rispecchi gli attuali standard di efficienza e qualità per lo smaltimento. Anziché essere scaricate sui corsi d’acqua del centro città, le acque raccolte verranno convogliate nella rete già esistente nella parte nord del comune di Treviso, collegata all’impianto di depurazione centralizzato di via Pavese, aumentando così le garanzie di qualità dei corsi d’acqua locali.

Gli obiettivi principali sono: la separazione del sistema fognario nell’area di intervento: la realizzazione di nuove condotte e l’allacciamento delle utenze ad una rete fognaria unica e controllata sono opere necessarie sia per migliorare il servizio offerto ai cittadini sia per tutelare la qualità delle acque dei corsi d’acqua; la dismissione degli impianti esistenti di trattamento e depurazione privati: la connessione alla rete pubblica e il recapito dei reflui presso l’impianto di depurazione comunale consente un maggiore controllo delle portate e della qualità delle acque trattate migliorando le condizioni igienico sanitarie della città e dell’ecosistema; il collegamento del sistema fognario di acque nere ad un ricettore idoneo, lontano dal centro abitato; un miglioramento della rete idraulica meteorica: le opere di progetto prevedono anche la sistemazione localizzata di tali condotte in alcuni punti critici, la demolizione del collettore esistente in via Panciera e la sostituzione con una nuova condotta in PVC; il rifacimento della rete dell’acquedotto: sfruttando il medesimo scavo è possibile ristrutturare anche la rete acquedottistica in modo da ridurre le eventuali perdite presenti e minimizzare la probabilità di guasti o interventi necessari sulla rete a breve e medio termine. Si prevede di riutilizzare le medesime opere complementari della rete esistente. Pertanto pozzetti, sfiati, attacchi per idranti, vengono mantenuti tali e allacciati alle nuove condotte. Inoltre verranno realizzati due nuovi idranti stradali in via Borgo Cavour e in via Mura S. Teonisto. In corrispondenza delle abitazioni vengono predisposti opportuni allacciamenti. Sia nel caso della rete fognaria sia nel caso della rete acquedottistica, saranno predisposti allacciamenti ex-novo. Per quanto riguarda la nuova rete fognaria nera, essi saranno posti in proprietà pubblica, al limite del confine con la proprietà privata, inoltre verranno installati contatori di ultima generazione.

"Parliamo di interventi di portata storica per la nostra città -  le parole del sindaco Mario Conte - In termini di sostenibilità ambientale è probabilmente una delle opere più importanti mai realizzate nella nostra città, che permetterà non solo di limitare la dispersione idrica ma anche di estendere la rete fognaria, con enormi benefici in termini ambientali. Ringrazio Alto Trevigiano Servizi che sta portando avanti insieme al Settore Lavori Pubblici un progetto importante sia dal punto di vista degli investimenti sia sotto il profilo tecnico e sul quale contiamo tantissimo, peraltro utilizzando le ultime tecnologie al fine di ottimizzare l’intervento e garantire ai cittadini il miglior servizio possibile».

"Anche questa opera conferma l’impegno di ATS ad estendere la rete fognaria ed efficientare quella acquedottistica in tutto il territorio gestito -, spiega il presidente di ATS, Fabio Vettori - Con il progetto del quartiere nord ovest del centro storico si intende estendere la rete di fognatura comunale e portarla in una zona priva di tale importante servizio e creare una linea idrica in grado di garantire una migliore distribuzione dell’acqua potabile nelle abitazioni ma anche nei 5 istituti scolastici della zona. Ne beneficeranno i cittadini ma anche l’ambiente".


Iscriviti alla Newsletter di OggiTreviso. E' Gratis

Ogni mattina le notizie dalla tua città, dalla regione, dall'Italia e dal mondo


 

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×