16 ottobre 2021

Treviso

Treviso, focolaio Covid tra ventenni dopo una festa a Jesolo

Nel vittoriese contagiato un bambino di quattro anni in un centro estivo

|

|

tampone

TREVISO - A Treviso sono emerse, a seguito di una festa privata tra ventenni del capoluogo, tenutasi il 6 luglio a Jesolo, 13 positività, 9 delle quali già confermate dal molecolare.

Alla festa avevano partecipato 46 ragazzi: gli operatori stanno contattanto tutti per l’effettuazione del tampone e la comunicazione della quarantena. Parte dei partecipanti all’evento di Jesolo avevano, due giorni prima, partecipato a una festa di compleanno, in un noto locale del trevigiano: tra coloro che erano presenti a quest’evento sono emerse, finora, altre due positività ma è tuttora in corso il contact tracing per ricostruire l’intera catena dei possibili contagi.

Stando alle dichiarazioni di alcuni dei giovani risultati positivi, parte di loro avrebbero partecipato anche ad altre feste nei giorni scorsi, oltre che a un torneo di calcio e, quindi, l’attività di tracciamento è complessa.

“Si è verificato quello che purtroppo temevamo – sottolinea il direttore generale, Francesco Benazzi -. Gli eventi nei quali si ritrovano molte persone, non vaccinate, che non rispettano il distanziamento e non indossano la mascherina, anche se all’aperto, si stanno rivelando, purtroppo, fonte di contagio. Rinnovo il mio invito a tutti, ma in particolare in questa fase ai giovani, a vaccinarsi prima possibile e a rispettare le regole. Domani c’è la finale dell’Italia: lancio a tutti un appello. Tifate, ed esultate, ma nel massimo rispetto delle regole per proteggere voi e che vi sta intorno”.

Nel Vittoriese è emersa, invece, la positività di un bambino di 4 anni, partecipante a un Centro estivo con altri 60 bimbi. Bimbi e familiari, così come operatori e contatti stretti, saranno sottoposti a tampone e quarantena.

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×