19 ottobre 2021

Treviso

Treviso, migliorano le tre donne incinte ricoverate in ospedale per Covid

L'Ulss2: "Una donna in gravidanza è stabile ma non è ancora fuori pericolo. Le altre due stanno meglio"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

repato Covid

TREVISO – Sono stabili ma ancora preoccupanti le condizioni di una delle tre donne incinte ricoverate all’ospedale di Treviso dopo aver contratto il covid. L’Ulss2 conferma che tutte e tre le future mamme non erano vaccinate contro il virus.

“Al momento una giovane donna incinta di 28anni e alla 28esima settimana di gravidanza è ancora grave  - Francesco Benazzi, direttore generale dell’ Ulss 2 Marca trevigiana - La situazione è stabile ma ancora non possiamo dire che la donna e il feto siano fuori pericolo. Monitoraimo costantemente la situazione e i parametri della mamma e del piccolo”. Stanno meglio invece le altre due future mamme sempre ricoverate nei giorni scorsi al Cà Foncello dopo l’aggravarsi dei sintomi. “Le altre due donne ora stanno meglio e tra qualche giorno saranno trasferite nel reparto di Malattie Infettive”.

Alla luce di questi nuovi casi, l’Usl lancia un appello alle future mamme. “I nostri ginecologi insieme ai medici di famiglia cercheranno di proporre la vaccinazione a tutte le donne in gravidanza, specificando loro che non c’è nessun rischio per il feto”.

Intanto oggi in Provincia di Treviso sono 67 le persone positive al Covid ricoverate negli ospedali. Mentre il tasso di vaccinazione, sempre nella Marca, è arrivato oggi a 75,3% di primi cicli completati. Una regressione dei contagi che fa ben sperare anche il direttore generale dell'Ulss2: "Se manterremo questi numeri fino alla prima settimana di ottobre, saremo fuori dal Covid. Potremo finalmente dire che stiamo uscendo dalla pandemia grazie alle vaccinazioni".

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×