07/10/2022sereno

08/10/2022poco nuvoloso

09/10/2022nubi sparse

07 ottobre 2022

Treviso

Umberto, il cucciolo di muflone che ha perso la mamma salvato dal Cras

Il piccolo muflone recuperato sulle strade della Pedemontana trevigiana. "Ora c'è bisogno dell'aiuto di tutti per la sua riabilitazione"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

muflone

TREVISO - Un nuovo cucciolo è arrivato al Centro di recupero animali selvatici di Treviso, dopo aver perso la mamma in un incidente stradale. Si tratta di un piccolo muflone. Umberto, questo il suo nome, è la centesima specie entrata nella lunga lista degli animali recuperati grazie allo straordinario lavoro dei volontari del Cras.

Il piccolo è stato trovato nella zona della pedemontana trevigiana, a lato della carreggiata, in attesa che la madre, purtroppo investita, si rialzasse. Per l’animale adulto non c'è stato nulla da fare, mentre per il piccolo Umberto la sorte, anche se crudele, è stata più clemente. Recuperato e trasferito al centro, con sede al parco dello Storga a Treviso, è stato sottoposto ad un'attenta visita veterinaria. Le decine di zecche che aveva sul corpo sono state rimosse e gli è stata somministrata una cura antibiotica per via di alcune infezioni. “L’animale - spiegano dal Cras - ha purtroppo qualche problema neurologico, forse dovuto ad un impatto avvenuto al fianco della madre e proprio per questo la sua riabilitazione sarà lunga e difficile”.

Ora i volontari del Cras si sono organizzati per nutrire l’animale: i piccoli di muflone, come molti altri animali, poppano il latte dalla madre ogni 15 minuti. Ma ci sarebbe bisogno della collaborazione di tutti per aiutare Umberto a crescere in delle strutture idonee durante le delicate fasi di svezzamento. Per questo il Cras Treviso ha aperto una raccolta fondi online nella speranza di riuscire ad acquistare tutti i materiali necessari a salvare il cucciolo.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×