25 gennaio 2020

Castelfranco

Un giardino sensoriale in casa di riposo

Innovativa iniziativa per il benessere degli anziani al Centro “Domenico Sartor”

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

Un giardino sensoriale in casa di riposo

CASTELFRANCO – Il benessere di ospiti e visitatori al centro delle nuove iniziative del Centro Servizi alla Persona Domenico Sartor di Castelfranco Veneto che ha inaugurato un giardino sensoriale e nuovi spazi benessere nella struttura cittadina di via Ospedale. “Abbiamo scelto di mettere gli anziani al centro dei nostri progetti, ecco allora il Giardino Sensoriale e i nuovi spazi benessere. Tra ospiti, famigliari, dipendenti e volontari, il Sartor è una famiglia da oltre 1.000 persone”: hanno detto Elisabetta Barbato e Maurizio Trento, rispettivamente direttore e presidente del Sartor.

“Il Sartor è un fiore all’occhiello del territorio e questo progetto innovativo ne è la conferma - ha continuato il sindaco Stefano Marcon, seguito da Roberto Volpe, presidente regionale URIPA (Unione Istituti per Anziani) -. Vedere così tanta gente è il segno che questo Centro per Anziani guarda a tutta la comunità”. Le due aree inaugurate son, parte di un ampio piano di ammodernamento della struttura che ha visto la collaborazione dei professori Francesca Pazzaglia e Raffaele Cavalli, rispettivamente del Dipartimento di Psicologia Generale (DPG) e del Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali (TESAF) dell'Università di Padova, pensate per migliorare la qualità della vita non solo degli ospiti ma anche di tutti coloro che frequentano il centro.

Cuore pulsante dell’intervento di ristrutturazione, che coinvolge gli aspetti psicologici e la persona a 360 gradi, un piccolo eden aperto ufficialmente oggi al pubblico: il Giardino Sensoriale. Un’area verde pensata per stimolare i cinque sensi, in modo da agevolare il recupero psicofisico e la stimolazione cognitiva. Un angolo di paradiso, dove contemplare la natura, tra colori, suoni, profumi, sapori, ed esperienze tattili, che sarà destinato anche ad ospitare attività e laboratori all’aria aperta. Uno spazio, quello del Giardino Sensoriale, protetto ma al tempo stesso aperto e progettato in continuità con i locali interni del Centro Domenico Sartor. I nuovi spazi interni, infatti, sono stati dotati di una grande vetrata per godere della vista del nuovo polmone verde della struttura in tutte le stagioni. Un meraviglioso dialogo tra interno ed esterno, ulteriormente animato nel salone del bar dall’isola verde, uno spazio interno riservato alle essenze vegetali, che, insieme ai colori chiari e al rinnovamento dell’illuminazione, faciliteranno anche l’orientamento degli anziani in struttura.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×