22 febbraio 2020

Oderzo Motta

Un murale grande come una casa per la pace

Iniziativa a Salgareda per le celebrazioni del Quattro Novembre

commenti |

commenti |

murale di Salgareda

SALGAREDA - Murale grande comune una casa per la fine della grande Guerra e l’inizio della pace.

Sabato mattina in via Chiesavecchia a Salgareda celebrato il centenario della conclusione del primo conflitto mondiale.

Per questo appuntamento è stato posizionato un cippo, con accanto una lapide, nel punto esatto in cui Salgareda sorgeva prima del conflitto.

Il paese venne cancellato dalla furia della battaglia, per risorgere poco lontano. Realizzato anche un murale gigante.

Il sindaco Andrea Favaretto ha spiegato: «Quest’anno per il centenario abbiamo voluto ricordare il 4 Novembre 1918 con una targa e con la sistemazione dell’intera area. Per ricordo abbiamo realizzato un cippo e una stele informativa con foto d’epoca e un testo che narra i fatti accaduti in questi luoghi esattamente cento anni fa».

«Nel murale è raffigurato un soldato italiano e uno austriaco con quattro colombe, simbolo del Quattro Novembre che da allora significa pace. I soldati hanno in mano dei palloncini per bambini, che simboleggiano il fatto che qui, nell’ultima parte del conflitto, combatté la classe del ‘99, ossia dei ragazzi».

L’opera, di circa dieci metri di altezza, è stata realizzato dall’artista Manuel Jako Giacometti.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×