12 luglio 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

UN PONTE PER LE DONNE STRANIERE A PIEVE

L'assessore uscente Mazzocco invita il nuovo assessore Ceschi a mantenere il corso

| |

| |

Pieve di Soligo – 7 donne per creare un ponte tra la comunità immigrata e gli “indigeni” pievigini. Si è appena concluso “Un Ponte Per le Donne 3”, la terza edizione del corso gratuito di lingua italiana, usi e costumi locali rivolto a donne immigrate.

Il corso ha fornito nozioni linguistiche ma ha previsto anche l'intervento di esperti che hanno spiegato come funziona il mercato del lavoro, il sistema sanitario, le regole della scuola e molto altre indicazioni utili all’integrazione ed alla convivenza civile.
 L'obiettivo è che le donne imparino ad essere di sostegno alle proprie connazionali in una forma di aiuto reciproco che permetta loro di integrarsi al meglio nella società.

«Molto probabilmente il corso verrà riproposto anche l’anno prossimo – commenta l’ormai ex assessore ai Servizi sociali, Silvia Mazzocco – Le donne ci terrebbero molto, anche perché per loro è un’opportunità per imparare a gestire meglio la loro vita quotidiana, imparando ad esempio come funziona il nostro sistema sanitario, ad andare a parlare con gli insegnanti a scuola, recarsi agli uffici postali e comunali. Sono interessate a conoscere le regole perché il loro desiderio è quello di integrarsi al meglio».

 

Nella foto: la consegna dell'attestato di partecipazione da parte del sindaco uscente Giustino Moro

 


| modificato il:

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×