03 giugno 2020

Nord-Est

Una domenica tra 'remi e cicchetti'

Carnevale di Venezia nel segno delle tradizioni

| commenti |

| commenti |

Una domenica tra 'remi e cicchetti'

VENEZIA - E' partita sulle note magiche del pianista "fuoriposto" Paolo Zanarella e si è conclusa con l'assalto delle migliaia di turisti e veneziani ai 25mila "cicchetti" offerti dagli stand gastronomici allestiti dall'Aepe in Rio de Cannaregio la Festa veneziana sull'acqua che ha, di fatto, concluso oggi, domenica 1 febbraio, il primo weekend del Carnevale di Venezia 2015, "La festa più golosa del mondo".

Una giornata iniziata sotto il segno dell'alta acqua che ha solo reso più affascinante l'esibizione del pianista padovano Zanarella che appeso con il suo piano pianoforte ad una gru sospesa sull'acqua della Laguna all'altezza di Punta della Dogana ha salutato la partenza del corteo di barche delle remiere veneziane che ha sfilato lungo tutto il Canal Grande per poi tuffarsi in Rio de Cannaregio nel tanto atteso bagno di folla.

Calorosa e come sempre partecipata, malgrado qualche piccolo disagio dovuto all'alta marea, l'accoglienza in uno dei cuori pulsanti della Venezia popolare dove il corteo formato da oltre 100 imbarcazioni storiche della voga veneziana con a bordo 500 vogatori mascherati. Sfatato il maltempo e con le calosce colorate (i turisti) e rigorosamente in verde e nero (i veneziani) ancora ai piedi si è quindi consumato il momento più atteso della festa veneziana: l'assaggio dei cicchetti preparati dai locali dell'Aepe.

Un momento che ha favorito la socializzazione sulle due rive del Rio di Cannaregio tra turisti e veneziani, con i "foresti" a chiedere agli stessi ristoratori veneziani i segreti dei piatti tipici offerti: dai bigoi in salsa, alla pasta e fagioli, passando per gli assaggi di pesce, il baccalà mantecato, le frittelle e i galani, il tutto innaffiato da vino, rosso e nero.

Sul palco a salutare la folla il direttore artistico del Carnevale di Venezia Davide Rampello, il presidente delle Remiere veneziane Giovanni Giusto, il direttore dell'Aepe Ernesto Pancin e l'amministratore unico di Vela, Piero Rosa Salva.

"Cannaregio ancora una volta ci stupisce e conferma il successo di questo momento che rappresenta ormai da qualche anno il prologo del Carnevale veneziano - è il commento di Rosa Salva - Malgrado il tempo poco clemente, abbiamo registrato una grande partecipazione da parte del pubblico e delle barche della remiera e, felice novità, e tutto è stato impreziosito dalla splendida performance di Paolo Zanarella. Una festa veneziana anche quest'anno molto partecipata dai residenti malgrado qualche inevitabile disagio dovuto al maltempo. Una bella partenza che è di buon auspicio per le due settimane che ci aspettano".

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×