28/11/2021nubi sparse

29/11/2021sereno

30/11/2021velature lievi

28 novembre 2021

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Valdobbiadene DOCG. Un nome e un territorio da tutelare

La Confraternita prende posizione: invita l’intero comparto vitivinicolo, e il territorio, ad avviare una profonda riflessione: “Non possiamo più chiudere gli occhi”.

| Margherita Zaniol |

| Margherita Zaniol |

Confraternita di Valdobbiadene

VALDOBBIADENE - "L’approccio al nome Prosecco non può più essere asettico né neutrale". A riaprire i termini della questione è il caso Prosek. La Confraternita di Valdobbiadene, prendendo le mosse dalla recente polemica sorta intorno al vino croato, e facendosi interprete di un forte, diffuso e serpeggiante senso di malessere, intende invitare i produttori, ma non solo, ad una approfondita e, finalmente, risolutiva riflessione.

“E’ giunto il momento - spiega Enrico Bortolomiol, Gran Maestro della Confraternita di Valdobbiadene – di prendere una decisione, evidentemente non più procrastinabile, viste le continue incursioni, che penalizzano il nostro vino. È importante, oltre che imperativo a questo punto, avere un nome territoriale, con il quale, in modo inequivocabile, si espliciti sia il prodotto che il luogo di origine”.

La Confraternita insomma vuole intraprendere, e portare a termine, un serio dibattito: “La questione era già stata sollevata qualche anno fa – afferma Bortolomiol -, quando avviammo tra i viticoltori eroici della Denominazione Conegliano Valdobbiadene una petizione nella quale veniva chiesta l’opinione di ciascuno in merito ai princìpi di identità e unicità territoriali”. La risposta fu pressoché unanime, a sottolineare la dilagante preoccupazione per la perdita di percezione dell'identità del vino da parte del consumatore e a fronte di una generale confusione.

Stimolare la consapevolezza culturale, libera da interessi esterni al territorio, rientra tra gli scopi nobili ed originali per cui la Confraternita è nata nel 1946. "Ed è per questo che si ritiene debba essere avviata nuovamente una seria operazione - si legge in una nota ufficiale -, che porti a una chiara scelta di campo intorno al nome territoriale, anche attraverso una strategia di sensibilizzazione dell’opinione pubblica, poiché, il vino che si produce nella zona della Denominazione Conegliano Valdobbiadene racchiude in sé princìpi di identità e di unicità culturale".

La Confraternita, dalla sua posizione di autorevolezza, riconosce che i tempi sono maturi per prese di posizione responsabili, che tengano in debito conto il futuro della Denominazione e la tutela del consumatore, allo scopo di eliminare confusione e dannose omologazioni.

 


| modificato il:

Margherita Zaniol

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

08/07/2021

Toni Da Re difende il Prosecco

"Grande preoccupazione per la richiesta, da parte della Croazia, di iscrivere il vino ‘Prosek’ nell'elenco delle indicazioni geografiche tutelate dall'Ue"

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×