12 agosto 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Valdobbiadene flagellata dal maltempo, chiesto lo stato di calamità

| Claudia Borsoi |

immagine dell'autore

| Claudia Borsoi |

Valdobbiadene flagellata dal maltempo, chiesto lo stato di calamità
(In foto un cumulo di pietrame portato giù dal monte Perlo dalla pioggia)
 

VALDOBBIADENE – Dopo Farra di Soligo e Follina, anche Valdobbiadene ha chiesto alla Regione Veneto lo stato di calamità. La pioggia, caduta intorno alle 14 di domenica, ha trasportato giù dal monte Perlo un gran quantitativo di pietrame, sassi con un diametro anche di 20-30 centimetri che hanno ricoperto le strade e otturato le caditoie, mentre l’acqua e il fango hanno invaso una decina di abitazioni di San Vito, Caravaggio e Le Perine.

 

«Oggi ho firmato la richiesta per lo stato di calamità. Il centro operativo comunale rimane sempre aperto. Come Comune – spiega il sindaco Luciano Fregonese – stiamo facendo delle verifiche, e ci vorranno un paio di giorni per completarle e per capire i danni alla parte pubblica e quali interventi sia necessario fare per rimuovere il materiale venuto giù dal monte Perlo, materiale solido di grandi dimensioni e in grande quantità, parliamo di centinaia di metri cubi di pietre spostate. Risulta fondamentale rilevare da dove quei massi sono partiti ed intervenire in tempi rapidi perché, se ci dovessero essere piogge come quella di domenica, il rischio di trasporto a valle di simili massi è analogo, oltre a possibili frane».

Oggi il Comune ha pubblicato sul proprio sito internet un modulo con cui i privati possono segnalare i danni patiti ed indicare una prima quantificazione: «Invito a compilarlo entro giovedì 18 giugno» prosegue Fregonese. Le abitazioni allagata già domenica sera erano state sgomberate dal fango e dall’acqua, ma ora si tratta di quantificare i danni. «Per il Comune il costo è quello degli interventi da fare per rimuovere i sassi e le pietre scese con l’acqua e liberare le condotte. Io sono di Caravaggio e in 40 anni non ho mai visto una cosa simile – testimonia il sindaco -. A detta degli anziani bisogna andare al 1966 per ricordare una cosa simile».

 


| modificato il:

foto dell'autore

Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×