26 novembre 2020

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Valdobbiadene, non paga il debito: gli puntano una pistola e poi appiccano il fuoco in casa

È accaduto mercoledì scorso: i Carabinieri hanno denunciato due pregiudicati di 49 e 31 anni. La pistola era una scacciacani poi sequestrata

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

VALDOBBIADENE - Non paga un debito di qualche centinaio di euro: gli puntano una pistola e poi gli appiccano il fuoco in casa.  I Carabinieri della Stazione di Valdobbiadene hanno denunciato in stato di libertà due italiani del posto, 49 anni e 31 anni, pregiudicati, che nella serata di mercoledì si sono resi responsabili in concorso dei reati di minaccia aggravata e danneggiamento a seguito di incendio in danno di un 56enne della zona.

Nel frangente i due indagati, per futili motivi a fronte pare di un debito non ottemperato di alcune centinaia di euro da parte della vittima, si sono presentati presso la sua abitazione.

Uno di loro ha minacciato lo straniero puntandogli contro una pistola. Successivamente, dopo essersi allontanati, i due si sono presentati nuovamente presso l’abitazione della vittima e dopo aver rotto una finestra hanno appiccato il fuoco ad un cumulo di materiale di scarto presente all’interno della casa.

Nel corso della tempestiva perquisizione effettuata presso l’abitazione del soggetto classe 1971, i Carabinieri hanno rinvenuto la pistola scacciacani con relativo munizionamento (posta sotto sequestro) utilizzata per minacciare la vittima.

 



Gianandrea Rorato

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo
Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×