31 marzo 2020

Vittorio Veneto

VALENTINA RINUNCIA ALL’AVVENTURA

Valentina Peccolo dice no a Rete 4 e a Donnaventura. Dopo aver girato alcune puntate del reality, torna a casa

| Stefania De Bastiani | commenti | (16) |

immagine dell'autore

| Stefania De Bastiani | commenti | (16) |

VALENTINA RINUNCIA ALL’AVVENTURA

VITTORIO VENETO - Fotogenica e telegenica, curiosa, atletica, disinvolta, avventurosa, leale, coraggiosa, audace, bella. Abile come fotoreporter e come giornalista, esperta nella guida di mezzi a motore. Sono queste le doti richieste per partecipare a “Donnavventura”, reality che permette a sei ragazze di girare il mondo e mostrare al pubblico televisivo le loro scoperte.

Valentina Peccolo (in foto), ventenne vittoriese, ha dimostrato, durante selezioni con prove fisiche a attitudinali, di possedere tutte queste doti. E così, è stata scelta insieme ad altre cinque ragazze per partecipare al programma che andrà in onda a gennaio su Rete 4. Ma, nel mezzo del cammin della Patagonia, ha deciso di tornare in Italia. Non perché le mancasse Vittorio Veneto, ma perché, col capo-staff, proprio non andava d’accordo.

“Sono partita il 20 luglio con destinazione Santiago del Cile - racconta Valentina – Lo staff era composto da noi sei ragazze, il capo e un cameraman professionista. C’era chi si occupava di fare foto, video, chi di scrivere reportage. Ma soprattutto dovevamo guidare per centinaia di chilometri al giorno. In meno di due settimane siamo partiti da Santiago fino a raggiungere la Patagonia cilena. Abbiamo visitato posti magnifici, conosciuto tribù autoctone”. Un viaggio non da tutti, insomma. La meta successiva sarebbe stata l’Argentina, ma Valentina ha scelto di interrompere l’avventura prima del previsto.

“Io e altre 2 ragazze abbiamo deciso di tornare in Italia – spiega - La mia decisione di rientrare è stata dettata dal fatto che ci sono state delle incomprensioni con il capo spedizione. Avevamo punti di vista differenti su molte cose, e spesso non mi piaceva il suo modo di gestire le situazioni”. Qualcosa di più? “Non posso entrare nei dettagli, ma ogni anno la squadra che parte non torna mai tutta intera…un motivo ci sarà!”. Nonostante l’elemento negativo, alla Miss vittoriese rimane un bel ricordo di questa avventura.“La squadra che si era venuta a creare era affiatata, lavoravamo molto bene insieme e comunque l'esperienza in sè credo sia a dir poco incredibile, perché ti permette di vedere, conoscere, scoprire il mondo intero e arrangiarti in qualsiasi situazione”.

Un viaggio in luoghi sperduti, lontani, dove fauna, vegetazione, clima e cultura sono lontani anni luce da ciò con cui abbiamo abitualmente a che fare. Un viaggio dove si è sempre sotto l’occhio delle telecamere. Come ti senti dietro il teleobbiettivo? “Abbastanza a mio agio. Ho preso dimestichezza con le riprese facendo l’annunciatrice ad Antenna 3, e ora mi sento più disinvolta”. Hai anche girato un film, dove interpreti la parte di Santa Augusta.

Come è stata la tua prima esperienza da attrice? “E’ stato bello. Quando ti capita di interpretare un personaggio del genere? Inoltre c’erano in sacco di miei amici che facevano le comparse, e si era instaurato un clima socievole tra tutto lo staff”. La prima proiezione del film ha suscitato reazioni contrastanti, anche negative. “Sulle critiche negative, quando non sono costruttive, non posso far altro che sorvolare. Nessuno aveva intenzione di vincere l’Oscar. Abbiamo fatto quello che siamo riusciti a fare. Qualche lezione di recitazione durante l’anno, e due giorni intensissimi di riprese. E devo dire che mi sono davvero divertita. Non è questo l’importante?”.

Le ragazze di Donnavventura

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×