04 aprile 2020

Nord-Est

Veneto si conferma prima regione turistica d'Italia, e supera sè stessa con un nuovo record

| commenti |

| commenti |

Veneto si conferma prima regione turistica d'Italia, e supera sè stessa con un nuovo record

Il Veneto continua a macinare record sul fronte turistico. Dopo un 2016 già da primato, il 2017 fa ancora meglio e consegna un bilancio di 19 milioni 172 mila arrivi (+7,4%) e una quota presenze (numero di notti trascorse nelle strutture ricettive) che, per la prima volta, supera i 69 milioni (+5,8%). Numeri che lo confermano saldamente come prima regione turistica d'Italia, davanti al Trentino Alto Adige e alla Toscana (i dati ufficiali 2016 parlavano di 65 milioni di presenze il Veneto, 49 il Trentino A.A., 44 la Toscana).

 

"Ormai è un'abitudine per noi parlare di record nel turismo - ha detto l'assessore regionale Federico Caner - ma non ci sediamo sugli allori. Non consideriamo i primati una normalità, continuiamo ad innovare, a promuovere al meglio. Lo slogan per tour operator e addetti al settore deve essere 'ripartiamo da qui'".

 

Una crescita, quella dei viaggiatori, che scelgono il Veneto che è stata continua negli ultimi 10 anni, eccetto per un leggero calo degli stranieri a cavallo degli anni più forti della crisi: dal 2007 ad oggi i turisti stranieri sono cresciuti del 43% negli arrivi, del 30,4% nelle presenze. L'anno scorso il Veneto ha visto il segno positivo in tutto le sette province, e in tutti i comprensori (spiagge, città d'arte, lago, terme) ad eccezione della montagna, che pur registrando un +3,6% negli arrivi, ha patito la carenza di neve dell'inverno 2016/2017 con un -3,2% nelle presenze. Il turismo in Veneto è fortemente a trazione 'germanica': da soli gli ospiti tedeschi e austriaci valgono oltre 20 milioni di presenze l'anno. Gli stranieri trainano anche la spesa turistica, che l'anno scorso è stata pari a 5,8 miliardi di euro (+5,7%).

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×