26 gennaio 2021

Treviso

Weekend molto mite e soleggiato specie in montagna

Robusto anticiclone subtropicale nord africano in rinforzo tra sabato e lunedì

| Andrea Costantini |

| Andrea Costantini |

Weekend molto mite e soleggiato specie in montagna

Ben ritrovati a tutti!

Osserviamo un fatto rilevante: i rubinetti del cielo che ci hanno inondato nei mesi scorsi sembrano essersi chiusi, anche se proprio qualche giorno fa, un'improvvisa "apertura" ha provocato ingenti danni con frequente attività elettrica ed anche venti forti, mostrando caratteri ben poco autunnali ma piuttosto tipici dell'estate.

Certo, i temporali ad ottobre non sono rari, ma l'intensità con la quale si sono manifestati lunedì scorso inducono a pensare che l'energia in gioco sia comunque elevata e non consona al periodo; lo testimonia del resto l'andamento termico degli ultimi giorni, con temperature massime quasi sempre sopra i 20°C e minime che sono ancora distanti dagli 8-10°C che di solito sono attesi in questo periodo. 

Ecco i valori termici registrati alla stazione amatoriale di San Giacomo di Veglia, nella prima metà di ottobre. Si notano andamenti stabili e scarse variazioni, anche in presenza di precipitazioni (legate principalmente a rovesci o temporali, come quello molto intenso e decisamente fuori norma registrato al mattino di sabato 11).

Questa situazione è spiegabile osservando la distribuzione delle grandi masse d'aria; da circa tre settimane la configurazione è quasi la medesima e si ripete, proponendo continue discese di aria fredda da nord che si dirigono in pieno Oceano e che generano una risposta calda e stabile sul Mediterraneo. A tratti il contrasto tra queste masse d'aria induce la formazione di perturbazioni, ma manda del tutto qualsivoglia ingresso di correnti più fredde ed ecco che i valori si mantengono costantemente sopra la media, anche con precipitazioni.

Nel weekend avremo un'ulteriore rafforzamento di questa situazione, in quanto la bassa pressione visibile in Oceano scenderà ancora di più verso sud, accentuando il richiamo caldo e stabile sull'Italia. Vediamo in questa mappa di temperatura a circa 1500m per domenica sera il risultato di tale azione: "goccia fredda" isolata in Oceano, grande "campana" calda sul Mediterraneo. Sul Nord Europa scorrono veloci correnti occidentali che trasportano numerose perturbazioni atlantiche.

Nelle prossime ore quindi si andrà nettamente rinforzando sul Mediterraneo una zona di alta pressione di diretta estrazione africana, molto ben strutturata specie in quota con valori termici che in montagna saranno prettamente estivi (zero termico anche superiore ai 4000m). Tale configurazione produrrà clima assai mite e fuori stagione specie nei pomeriggi assolati a partire da sabato, ma l’inversione termica mattutina favorirà un calo delle temperature minime, che si posizioneranno attorno ai 10°C.

In sintesi, ecco il tempo per i prossimi giorni:

Venerdì 17 (attendibilità 90%): da ovest inizierà a rafforzarsi l’alta pressione proveniente dall’Africa, pertanto le nubi andranno via via dissolvendosi eccezion fatta per qualche velatura e nubi basse al primo mattino, con occasionali banchi di nebbia. Nel corso della giornata tendenza ad ampi rasserenamenti. In quota inizieranno ad aumentare sensibilmente le temperature, meno evidente l’effetto in pianura.

Sabato 18 (90%): dal Mediterraneo giungeranno in pieno gli effetti stabilizzanti del grande anticiclone, che si posizionerà con il proprio “cuore” tra Sardegna e Baleari. Questa vastissima e intensa onda produrrà un eccezionale profilo termico in relazione al periodo (zero termico prossimo o superiore a 4000m), con valori di temperatura massima anche superiori a 23-25°C in località di collina esposte a sud, mentre in pianura inizierà a strutturarsi l’inversione termica con valori appena più bassi. Aria secca ed ottima visibilità sopra i 1000-1200m, qualche foschia nei bassi strati.

Domenica 19 (90%): l’anticiclone sarà in ulteriore rinforzo e la sua azione si estenderà su buona parte dell’Europa centro-occidentale. Condizioni immutate rispetto a sabato, anche se qualche banco di nebbia in più potrebbe manifestarsi in pianura al primo mattino, associato alla robusta inversione termica delle prime ore (minime in pianura anche sotto i 10°C con successiva forte risalita verso le massime pomeridiane). Tempo perfetto per le gite in montagna.

Tendenza.

La settimana inizierà con la stessa configurazione che resisterà almeno fino a martedì mattina; a metà settimana una perturbazione atlantica arriverà da ovest-nord-ovest, ma la traiettoria impedirà significativi peggioramenti in quanto rimarremo al riparo delle Alpi apportando un certo calo termico in quota ed effetti probabilmente limitati a qualche breve pioggia e spruzzate di neve sulle Dolomiti oltre i 2000m mercoledì notte)  

Curiosità della settimana

In questo periodo dell’anno assistiamo a imponenti scambi di masse d’aria da nord a sud e viceversa; nei prossimi giorni osserveremo la discesa di aria originaria dalla Groenlandia fino a latitudini di 30°N, in prossimità delle Isole Canarie. Dalle zone desertiche del Sahara occidentale ecco dunque la contromossa dell’atmosfera, con il movimento verso nordest di una massa d’aria molto calda e stabile, che porterà una parentesi di estate fuori stagione su parte della Francia, Germania e Austria tra sabato e lunedì (a causa dei venti di caduta imposti dal flusso meridionale che impattano rispettivamente su Pirenei e Alpi). 

Nota per i lettori: mi scuso per l'incostanza negli aggiornamenti dovuti a mancanza di tempo che spesso mi impedisce di realizzare le approfondite analisi per poi redigere l'articolo previsionale. Tale situazione tenderà a proseguire anche nelle prossime settimane. Farò in ogni caso del mio meglio. Grazie.

 


| modificato il:

Andrea Costantini
Redazione di articoli a carattere previsionale e di approfondimento sulla meteorologia del trevigiano, con uno sguardo sempre attento al più vasto contesto ambientale dove siamo inseriti. Ruolo professionale: tecnico commerciale presso NESA http://nesasrl.eu/, progettazione, costruzione ed installazione di strumentazione professionale per monitoraggio ambientale e telecontrollo (meteorologia, idrologia, energie rinnovabili, geologia...). Dati meteo e webcam da Vittorio Veneto (TV) http://meteoravanel.altervista.org/

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×