22 febbraio 2020

Treviso

Ztl alla Piave, Caner: "Chiediamo lo sgombero immediato"

La Lega trevigiana segnalerà la questione al segretario federale Matteo Salvini

commenti | (1) |

commenti | (1) |

Ztl alla Piave, Caner:

TREVISO - Sono passati 40 giorni dall’occupazione dell’ex caserma Piave di via Monterumici a Treviso da parte del collettivo Ztl ed il sindaco non ha ancora firmato alcuna ordinanza per consentire a Questura e Prefettura di disporre lo sgombero.

Un permanere di illegalità contro cui si scaglia Federico Caner, capogruppo leghista in Regione: “Dopo tutto questo tempo, cosa fa il sindaco Manildo? Nulla. Annuncia incontri e colloqui. Eppure un mese fa aveva dichiarato ‘spazi a Ztl solo se entro 15 giorni lasciano la Piave’. Parole al vento e tempo scaduto: Ztl è ancora là. La verità è una sola: sgomberare è impossibile se dopo la denuncia d’ufficio della polizia locale manca una ordinanza formale del sindaco alla luce dell’inagibilità dell’immobile e del rischio per chiunque lo occupi. Perché, lo ricordo, nel caso malaugurato in cui dovessero verificarsi situazioni a risvolto penale o pericolose per l’incolumità di quei giovani, a risponderne in tutte le sedi sarebbe Manildo”.

“Ztl – aggiunge Caner – afferma oggi di essersi costituita in associazione, allora attenda un eventuale prossimo bando e poi vi partecipi, anche se dalle gare per l’assegnazione di spazi pubblici dovrebbero essere esclusi coloro che hanno all’evidenza oltrepassato i confini della legalità. Altrimenti il tutto suona come una beffa per quei volontari che la legge la rispettano e si sentono presi in giro da questa amministrazione".

"La Lega trevigiana – annuncia Caner - interverrà come fatto in altre città per non far calare l’attenzione su questa occupazione, segnalando la questione al Segretario federale Matteo Salvini. Certo, comprendiamo che il timido Manildo vada male a procedere ad uno sgombero, quando il suo premier Renzi sta depenalizzando il reato di occupazione abusiva di immobili pubblici e privati: ci viene pure il sospetto che si stia attendendo proprio quella norma statale, che toglierebbe le castagne dal fuoco a un sindaco incapace di far rispettare la legge”.

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×