27 settembre 2021

Nord-Est

Esame del Dna smaschera autori di furti risalenti a 18 anni fa

Le indagini dei Ris di Parma fanno luce su due episodi accaduti nel vicentino

|

|

foto d'archivio

VICENZA - L'esame del Dna ha permesso di smascherare i presunti responsabili di due furti commessi anni fa in provincia di Vicenza, il più vecchio nel 2003 e un altro nel 2006, compiuti rispettivamente a Monticello Conte Otto e Costabissara.

I carabinieri del Nucleo Operativo di Thiene (Vicenza) si sono avvalsi della collaborazione del Ris di Parma, dai cui accertamenti genetici si è risaliti a H.M., 51 anni, di origine rom, domiciliato in un campo nomadi di Vicenza, e a una donna, D.A (60), di origine sinti, residente nella terraferma veneziana.

Il primo colpo avvenne a fine estate del 2003 quando a Monticello un ottantenne ha aperto le porte di casa a una donna che, con il pretesto di farsi offrire un bicchiere d'acqua, lo distratto rubandogli alcune centinaia di euro e fuggendo con un complice. Nella notte del 6 dicembre 2006 un gruppo di ladri era riuscito ad entrare nella Fonderia artistica "Angelo Balbo" di Costabissara rubando lastre di acciaio del valore di 50 mila euro.

Le prime indagini sul secondo episodio avevano portato a individuare e denunciare uno degli autori, J.R., 54 anni, di origine serba. Sulle due scene del reato erano state recuperate tracce di sangue e impronte, lasciate verosimilmente dai malviventi. Gli specialisti del Ris che sono giunti alla loro identificazione attraverso la comparazione nel database nazionale. I due sono stati denunciati alla Procura di Vicenza per i reati di concorso in furto aggravato.

 



Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×