29 settembre 2020

Esteri

"Fatta a pezzi e venduta come kebab", il mistero su Charlene, 15enne scomparsa

|

|

Sono passati 15 anni da quando sua figlia è scomparsa. E ancora la madre Karen Downes aspetta nella sua casa di Blackpool. Da quel giorno la sua vita è diventata un incubo. Secondo l'accusa, riporta il Mirror, la ragazzina potrebbe essere stata uccisa, sminuzzata e servita come carne di kebab.

 

Nel maggio 2007 il proprietario del negozio di un kebab giordano Iyad Albattikhi è stato processato per il suo omicidio insieme a un iraniano Mohammed Reveshi, che è stato accusato di averlo aiutato a disfarsi del corpo di Charlene. I due, però, sono stati assolti, perché alcune testimonianze sono state ritenute false, e la fine della ragazzina è in realtà ancora avvolta in un fitto mistero.

 

Da quando l'adolescente è sparita, la madre ha dovuto affrontare prove durissime. Durante la perquisizione in casa, hanno trovato collant neri, abbigliamento intimo e smalto rosso: la donna ha scoperto che il marito 57enne Bob viveva una doppia vita e che di notte si travestiva. In un primo tempo era stato indagato proprio il padre, ma poi l'indagine ha preso un'altra direzione.

 

Pare che Charlene possa essere stata vittima anche di una banda della sua città natale. Nessuna pista, in pratica, è esclusa. "Continuo a stupidamente a sperare che Charlene si avvicini alla porta, urlando 'mamma sono a casa'", conclude la madre. "So di aver fatto degli errori. Aveva 14 anni ed era ribelle. Avrei dovuto capire che cosa stava succedendo, mi sento tremendamente in colpa".

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×