21 aprile 2021

Treviso

Fondazione Mazzotti riparte: "Modello per la valorizzazione e promozione del patrimonio culturale"

Presentato il nuovo consiglio di amministrazione guidato dal presidente Claudio Bertorelli

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

Cda Fondazione Mazzotti

Il nuovo Cda di Fondazione Mazzotti con il sindaco Conte e l'assessore Colonna Preti

TREVISO - Fondazione Mazzotti riparte dal nuovo consiglio di amministrazione per valorizzare e far conoscere il grande patrimonio culturale, artistico e paesaggistico lasciato da Giuseppe Mazzotti. Un immenso patrimonio libresco di circa 7mila volumi a cui si aggiunge l’archivio con documenti, fotografie e una documentazione unica sul territorio veneto.

Grazie al lavoro condotto dal Commissario Straordinario Maria Teresa De Gregorio con il Comune di Treviso, la Provincia e la Regione Veneto, si è potuto così concretizzare il progetto di valorizzazione a lungo termine dell’ente mazzottiano che ricopre un ruolo fondamentale nella tutela, conservazione, implementazione, aggiornamento e promozione del materiale di studio, nella promozione della cultura, del turismo sostenibile e consapevole, della ricerca scientifica e tecnica nonché la valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico artistico.

Il presidente della Fondazione sarà Claudio Bertorelli, paesaggista urbano, esperto di nuovi modelli nel campo del paesaggio, dell'analisi urbana e della progettazione architettonica. Il consiglio di amministrazione sarà invece composto da Fabrizio Renzi, Emma Sdegno, Marco Tonon, Andrea Cagnin e Anna Mazzotti Pugliese.

“La nomina del nuovo CdA rappresenta un altro importante passo nel piano di rilancio della Fondazione Mazzotti”, le parole del sindaco Mario Conte. "I nuovi consiglieri vantano già una grande esperienza in campo culturale, turistico e paesaggistico: siamo certi che, grazie alla loro professionalità e alla loro competenza, la Fondazione potrà diventare un modello per la valorizzazione e la promozione del territorio e del suo patrimonio artistico e culturale”.

“Giuseppe Mazzotti è stato una figura fondamentale per la salvaguardia e la promozione del patrimonio artistico e culturale del Veneto e in particolare di quello trevigiano: tutti noi gli dobbiamo davvero tanto. Per questo, insieme al sindaco, ci siamo battuti, fin dall'inizio del nostro mandato, affinché l’enorme e preziosissimo patrimonio della Fondazione venisse protetto e valorizzato”, ha sottolinea l’assessore alla Cultura, Lavinia Colonna Preti.

Tra i primi compiti del Cda ci sarà ora la nomina di un Comitato Scientifico che avrà un importante ruolo propositivo nella definizione di progettualità di qualità utili a rendere fruibile il patrimonio e valorizzare la figura e i temi mazzottiani.

Tra i primi appuntamenti con il pubblico ci sarà la presentazione del libro “Treviso Turistica” di Ilaria Tonetto e Alessandra Gobbo, edito da Antiga, nato grazie al sostegno del Premio Gambrinus “Giuseppe Mazzotti” , a testimoniare come Giuseppe Mazzotti abbia fatto scuola anche nel campo del marketing e della comunicazione. Nel saggio viene riletta la strategia di promozione del territorio trevigiano da parte di Mazzotti utilizzando gli strumenti e le teorie attuali In qualità di direttore dell’Ente Provinciale del Turismo di Treviso nel dopoguerra giocò infatti un ruolo fondamentale nella definizione della Marca come meta turistica anticipando di cinquant’anni le strategie di marketing e di comunicazione inventando il “prodotto Treviso”.

 


| modificato il:

foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×