25/09/2022nubi sparse e rovesci

26/09/2022nubi sparse

27/09/2022nubi sparse e temporali

25 settembre 2022

Cronaca

L'attore Ezra Miller ammette: "Soffro di problemi mentali"

L'interprete di 'The Flash' al centro delle cronache per denunce e arresti: "Ho iniziato trattamento riabilitazione"

|

|

Ezra Miller

USA - Ezra Miller rompe il silenzio. Dopo un lungo periodo che lo ha visto al centro delle cronache per accuse di molestie, furto con scasso e aggressione verbali e fisiche, l'attore di 'The Flash' si scusa per quanto accaduto e ammette di aver intrapreso un percorso di cure per ''complessi problemi di salute mentale''.

Miller afferma nella dichiarazione, inviata tramite un rappresentante a 'The Hollywood Reporter', spiega che "avendo recentemente attraversato un periodo di intensa crisi, ora capisco che sto soffrendo di complessi problemi di salute mentale e ho iniziato il trattamento in corso - si legge nel documento - Voglio scusarmi con tutti coloro che ho allarmato e sconvolto con il mio comportamento passato. Mi impegno a fare il lavoro necessario per tornare a una fase sana, sicura e produttiva della mia vita''.

La dichiarazione arriva dopo un anno in cui Miller è stato oggetto di molte polemiche. Miller è stato arrestato in due diverse occasioni alle Hawaii: una a marzo per condotta disordinata e molestie a seguito di un incidente in un bar karaoke e di nuovo ad aprile per una presunta aggressione in cui Miller è accusato di aver colpito un donna in testa in una residenza privata.

Più recentemente, Miller è stato accusato di furto con scasso nel Vermont, dove risiede l'attore. Nella dichiarazione rilasciata è poi specificato che Warner Bros condivide la decisione dell’attore di iniziare un percorso di riabilitazione. L'uscita di 'The Flash' è ancora prevista per il 23 giugno 2023 e per ora la Warner Bros non ha alcuna intenzione di scritturare un altro attore per il ruolo. Miller, infatti, ha preso parte alle riprese aggiuntive della pellicola quest’estate, nonostante le numerose controversie legali.

Nel caso in cui Miller non dovesse risolvere i suoi problemi personali, la Warner Bros potrebbe decidere comunque di distribuire il film ma a quel punto, per la tutela del brand e dello stesso film, potrebbe escludere l'attore da ogni tipo di promozione. Altro scenario possibile è la cancellazione definitiva del film, costato ben 200 milioni di dollari, un gesto senza precedenti.
 

 



vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×