24/06/2024nubi sparse

25/06/2024nubi sparse e rovesci

26/06/2024possibili temporali

24 giugno 2024

Treviso

Bonus facciate: a Bari sequestro da 140 milioni di euro. Coinvolta anche un'azienda trevigiana

Indagato un imprenditore edile, coinvolte 13 società tra cui una con sede nella Marca

|

|

Bonus facciate: a Bari sequestro da 140 milioni di euro. Coinvolta anche un'azienda trevigiana

BARI - Un sequestro preventivo del valore di oltre 140 milioni, disposto dalla Procura di Bari, è stato eseguito dalla Guardia di Finanza nei confronti di un imprenditore edile barese (unico indagato), di 11 persone fisiche e 13 imprese risultate cedenti/cessionarie di presunti crediti di imposta fittizi del 'bonus facciate'. Nell'inchiesta si ipotizzano i reati di emissione di fatture per operazioni inesistenti, indebita compensazione, riciclaggio e impiego di denaro e beni di provenienza illecita. Contestualmente sono stati eseguiti nel Lazio, in Lombardia, Puglia e Veneto perquisizioni nelle residenze e sedi delle persone coinvolte. Una perquisizione è stata eseguita anche nella sede di un'impresa edile trevigiana, con sede a Treviso.

L'indagine è partita da un'analisi di rischio sviluppata dall'Agenzia delle Entrate sulla spettanza del 'bonus facciate' per la realizzazione di interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici. Beneficio che consente la detrazione fiscale del 90% delle spese sostenute negli anni 2020 e 2021 oppure la possibilità di utilizzare un credito d'imposta pari al 90% cedibile a terzi e, quindi, monetizzabile.

I riscontri investigativi delegati alla Guardia di finanza hanno fatto emergere "l'esistenza - spiega la Procura di Bari - di un circuito fraudolento volto alla creazione, circolazione, monetizzazione e/o utilizzo in compensazione di crediti d'imposta inesistenti, che gravita intorno alla figura di un imprenditore barese, attivo nel settore edile, e attualmente unico indagato". In particolare è emerso che i soggetti che avrebbero commissionato le opere di recupero edilizio erano sprovvisti di una capacità reddituale e finanziaria idonea al sostenimento delle ingenti spese di rifacimento delle facciate, in relazione alle quali sarebbe maturato, in origine, il credito d'imposta successivamente ceduto all'indagato. Per di più, gli stessi avrebbero sostenuto oneri per interventi edilizi eccessivamente sproporzionati rispetto alle caratteristiche e al valore degli immobili posseduti, che non sono stati sottoposti a recenti opere di rifacimento delle facciate.

 



Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×