04/10/2022nubi sparse

05/10/2022parz nuvoloso

06/10/2022parz nuvoloso

04 ottobre 2022

Treviso

Carburante alle stelle, stangata per gli agenti di commercio: "Fatturato in calo del 40%"

Peatini: "Un salasso per chi usa l’auto come strumento di lavoro, percorrendo in media oltre 60mila Km all’anno"

| Isabella Loschi |

immagine dell'autore

| Isabella Loschi |

pompa di benzina

TREVISO - “Tra caro carburanti e fermi di aziende le nostre attività sono a rischio. In questo periodo di rialzi e di emergenza bellica stiamo già constatando cali di fatturati del 40% con costi fissi raddoppiati: chiediamo al Governo di metterci nelle condizioni di poter lavorare”. Il grido di allarme arriva dagli agenti di commercio della Marca, tra le categorie che più risentono dell’aumento vertiginoso dei prezzi dei carburanti (+ 40% nell’ultimo mese). Ed è anche la categoria che ha pagato un prezzo enorme al Covid, risentendo direttamente della mancanza di ordini dovuti alla chiusura repentina di negozi, pubblici esercizi e altre imprese.

“Durante le restrizioni alle attività – spiega Antonello Peatini, referente provinciale Fnaarc Confcommercio Treviso- per mesi molti agenti sono rimasti senza reddito, poiché molte aziende preponenti, in assenza di ordinativi e senza sicurezze sulle riaperture, hanno semplicemente sospeso i pagamenti. Il mondo dell’intermediazione commerciale vive, infatti, di provvigioni, e se non si vende, non si guadagna. La categoria è, quindi, prontamente ripartita appena c’è stato l’allentamento delle restrizioni anti-pandemia e le attività hanno riaperto i battenti”.

“Ma siamo molto distanti dai livelli pre-pandemia del 2019 e la situazione ad oggi è molto pesante. L’eco della guerra, poi, si è già fatto sentire e si sentirà sempre più, sia con la carenza di disponibilità di alcune merci, sia con la crescita dei costi delle materie prime ed energetici. Inoltre, per chi come noi agenti di commercio – sottolinea Peatini– utilizza l’auto come strumento di lavoro, percorrendo in media oltre 60.000 Km all’anno, l’attuale aumento del carburante rappresenta un vero e proprio salasso, che molti colleghi ancora provati da due anni di pandemia non riescono più a sostenere”.


La Federazione nazionale ha proposto il taglio drastico delle accise, in forza del settore che rappresenta un anello fondamentale col mondo produttivo.
“Contiamo sulle risposte del Governo: sul tavolo abbiamo chiesto di intervenire con misure atte diminuire i costi di benzina e gasolio: una soluzione suggerita è quella di agire drasticamente sulle accise che incidono pesantemente sul prezzo finale del rifornimento di carburante. Altra richiesta urgente è di attualizzare i parametri fiscali di deducibilità dell’acquisto dell’automobile, perché il tetto in vigore non consente all’agente di investire adeguatamente in veicoli a minor impatto ambientale, come richiesto dal piano di transizione energetica prevista dal Paese”. 


 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

29/03/2022

A Conegliano nasce il comitato contro il carovita

L’incontro, che si terrà venerdì 1 aprile alle 20.45 presso la Sala ex Informagiovani di Piazzale San Martino, è promosso dalla Rsu Irca Fiom, dalla Rs Electrolux Fiom, Adl Cobas e Rifondazione comunista

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×