06/12/2022nebbia a banchi

07/12/2022velature lievi

08/12/2022nubi sparse

06 dicembre 2022

Nord-Est

Frode fiscale nel settore del volantinaggio: scattano le sanzioni

Sequestrati 135 mila euro a un’azienda

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Frode fiscale nel settore del volantinaggio: scattano le sanzioni

VICENZA - Nei giorni scorsi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza, su delega della locale Procura della Repubblica, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale berico, finalizzato alla confisca di beni e disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari a 135.126,00 euro, a carico di una ditta individuale operante nel settore del volantinaggio e, anche “per equivalente”, nei confronti del titolare di diritto e anche a danno dei due amministratori di fatto dell’impresa. Il provvedimento cautelare, nell’ambito del quale sono state sequestrate somme di denaro giacenti sui conti correnti e un’autovettura di recente immatricolazione, costituisce l’epilogo di una delega di indagini scaturita da una segnalazione dell’Agenzia delle Entrate di Vicenza all’Autorità Giudiziaria, in cui veniva ravvisato l’utilizzo di fatture per operazioni oggettivamente inesistenti nelle dichiarazioni dei redditi ed Iva da parte dell’impresa indiana, sita nel comune di Valdagno. Le attività di indagine delegate dalla Procura della Repubblica di Vicenza e condotte dai militari della Compagnia di Arzignano hanno permesso di ricostruire un articolato sistema di frode fiscale con fatture emesse da tre ditte individuali per 232.056,83 euro, che hanno consentito all’impresa ispezionata di evadere centinaia di migliaia di euro di imposte.

Dall’analisi dei rapporti commerciali intercorsi tra le tre imprese emittenti e quella utilizzatrice delle fatture false, tutte rappresentate da cittadini di nazionalità indiana, è emerso che le ditte fornitrici erano state costituite solo ed esclusivamente allo scopo di produrre documenti falsi ad uso della ditta di volantinaggio, per poi essere dismesse solamente un anno dopo la costituzione, senza aver adempiuto agli obblighi di dichiarazione e omettendo di effettuare il versamento delle imposte dovute all’Erario.

Approfonditi accertamenti bancari sui conti correnti hanno inoltre permesso di far luce sulla reale gestione della impresa oggetto di indagine, in quanto amministrata di fatto da alcuni parenti del titolare, uno dei quali rappresentante di una delle ditte fornitrici. Durante l’esecuzione della misura cautelare, uno degli amministratori di fatto ha tentato di disfarsi della propria auto individuata dai finanzieri quale bene aggredibile ai fini del sequestro “per equivalente”, vendendola ad un conoscente, una volta avuto contezza dei conti correnti “congelati”. Tale condotta è stata segnalata all’Autorità Giudiziaria quale alienazione simulata di un bene, idonea a rendere in parte inefficace la procedura di riscossione coattiva.

 


| modificato il:

Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

immagine della news

12/03/2022

Frode fiscale, sequestrati 19 milioni

Coinvolte tre aziende e dodici persone risultate coinvolte in una vasta frode contributiva nel settore dell’allestimento e posa in opera di arredi

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×