19/04/2024sereno

20/04/2024poco nuvoloso

21/04/2024poco nuvoloso

19 aprile 2024

Nord-Est

Girava con in tasca dosi di coca e contante

In casa aveva quattro chili di droga e semila euro in contanti

| Gianandrea Rorato |

| Gianandrea Rorato |

Girava con in tasca dosi di coca e contante

PORDENONE - La Guardia di Finanza di Pordenone ha arrestato un giovane italiano per il possesso, a scopo di spaccio, di 70 grammi di cocaina, kg 1,8 di hashish, e kg 1,9 di marijuana.

Nell’ambito di un servizio di prevenzione e contrasto ai traffici illeciti, effettuato nel circondario del Friuli Occidentale, le Fiamme Gialle del Gruppo del capoluogo hanno monitorato un fabbricato in fase di ristrutturazione a Sacile (PN), nel quale erano stati segnalati anomali movimenti. Dopo aver assistito a uno strano andirivieni, i Finanzieri hanno fermato un uomo, trovandolo in possesso di 18 involucri di circa 1- 2 grammi di cocaina e banconote di vario taglio, per un valore di 1.100 euro.

L’immediata perquisizione dell’autovettura del fermato ha permesso di rinvenire, all’interno di una borsa da lavoro, due sacchetti termosaldati e sottovuoto con circa 60 grammi di marijuana.

Da qui, l’inevitabile perquisizione anche del fabbricato in ristrutturazione, dal quale il giovane era stato visto entrare ed uscire, che ha permesso ai Militari di rinvenire, all’interno della cantina e del garage, sostanze da taglio, due bilancini e numerose buste termosaldate contenenti, complessivamente, 1.966 grammi di marijuana e 1.844 grammi di hashish.

Spostatisi poi presso l’abitazione di residenza del fermato, i Finanzieri hanno scoperto, nelle tasche di un capo di abbigliamento, 5 mazzette di banconote di vario taglio dal valore di 1.000 euro ciascuna, ritenute provento dello spaccio.

L’uomo, colto in flagranza di reato per la detenzione di sostanze stupefacenti con finalità di spaccio, è stato tratto in arresto e tradotto, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, presso la Casa Circondariale di Pordenone, misura, poi, commutata in quella degli arresti domiciliari con “braccialetto elettronico”.



 

 



Gianandrea Rorato

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×